Vino in fialetta? Pare piaccia....



Devo dire che inizialmente, vedendo il packaging, la mia mente più che in enoteca è volata presso la Diagnostika sotto casa mia dove regolarmente mi succhiano il sangue. La fialetta da studio medico piena di liquido rosso evoca sanguinosi ricordi.
Sicuramente Laurent de Crasto, enologo e Bruno Mautès, sommelier, non hanno questi fantasmi nelle loro menti visto che nel 2007, zitti zitti, hanno aperto la WIT (Wine in Tube) al fine di fornire una modalità ai vignaioli di mandare campioni del loro vino in giro senza troppi costi.
L'idea di per sè è abbastanza originale: si prende una fialetta di vetro da 6 o 10 cc brevettata, si scrive il marchio e la si chiude con un tappetto in alluminio con la garanzia che il vino conserva al suo interno tutte le caratteristiche del terroir di provenienza.

Assortimento Terroir Roussillon

Il successo, spiegano i due soci, è stato talmente forte che due anni dopo, nel 2009, questo servizio è stato lanciato su vasta scala cosicchè oggi queste fialette non sono più usate solo per fini di marketing ma rappresentano vere e proprie mini bottiglie di vino che posso essere vendute ad enoteche, ristoranti e privati.

Dicono, perchè io non frequento, che così c'è la possibilità di poter degustare a casa un grande vino senza aprirsi una classica bottiglia di vino da 0.75.

Se andate sul loro sito, clicca qua, è possibile acquistare oltre 80 vini diversi suddivisi tra Bordeaux, Borgogna, Jura, Languedoc Roussillon, Loira, Provenza e Rodano.

Qualche azienda interessante ci sarebbe pure come, ad esempio, Château Guiraud che vende 15 fiale del suo Sauternes 2002, in pratica una  magnum spezzettata, a circa 172 euro, spedizione esclusa.


La domanda del giorno è: comprereste e berreste il vostro vino preferito in fiala senza che questo comporti differenze di costo rispetto ad una bottiglia normale?

Mentre ci pensate vi dico che Wine in Tube pare sia talmente un successo che la società ha venduto nel mondo circa 1.6 milioni di fialette. Ah, però....

Foto tratte dal sito ufficiale
Posta un commento