Un vino per il cane o un cane per il vino?

Comprereste mai questi vino per soli 30$?


Io, personalmente, no! Chi non ha senso estetico difficilmente potrà fare buon vino. 
Se, però, amate in maniera smisurata i cani, soprattutto i bulldog, e pensate di fare una puntata in Napa Valley (California) col vostro fido amico, allora potreste cominciare ad amare la Frenchie Winery.
Secondo quanto scrive Wine Spectator, la struttura prende il nome dal cane dei proprietari Jean-Charles Boisset e della moglie Gina Gallo (nipote di Julio Gallo) che hanno fatto del loro bulldog una sorta di superstar con tanto di canale Youtube dove poter visionare le avventure del loro quattro zampe preferito.

Entrata

Non è finita qua. I proprietari, con chiaro spirito animalista, nel loro sito internet invitano tutti gli enoturisti a portare il loro cane presso l'azienda visto che potrà godere di trattamenti di grande rispetto come botti dotate di cuscini per i riposini e strutture per il gioco dotate di telecamere per far sì che il padrone possa sempre controllare il suo animale. Jean-Charles Boisset, poi, donerà un dollaro all'Aspca per ogni bottiglia di vino comprata. 

La enocuccia - Fonte: Corriere.it

Se poi, cane o non cane, il vostro sogno è quello di degustare il Cabernet Sauvignon Louis XIV dotato di "aromi e sapori di more e cacao, con sentori di cassis e note sottili di vaniglia. Come Versailles, questo cabernet ha grande struttura, equilibrio e una bella, lunga persistenza. Un vino che vi farà sbavare"..............allora accomodatevi in Napa Valley!!



Posta un commento