Cantine Antonio Mazzella - Villa Campagnano 2018 Epomeo Bianco IGT


Blend ad armi pari di biancolella e forastera, le due grandi uve dell'Isola Verde. Magnum indimenticabile bevuta su una enorme quantità di pesce e pescetti fritti con tanti amici. 


Olfatto gentile, floreale, di limone e ginestra, al palato potente ed efficace, assolutamente dissetante. Una bella esecuzione del giovane Nicola Mazzella!

www.ischiavini.it

Passo delle Tortore: una idea giovane e vincente in pieno Sud!


di Luciano Pignataro

Passo delle Tortore a Pietradefusi. Stavolta voglio parlare di questa nuova azienda che si presenta con la prima vendemmia in un momento davvero difficile per tutto il mondo del vino. Un segnale di speranza e di fiducia che, nonostante tutto, e a dispetto delle tante crisi, chi si occupa di vino deve avere per portare avanti la sua attività.
In primo luogo parliamo del paese, poco più di duemila anime, che rientra nella docg Taurasi e che è proprio al confine, impercettibile, tra le province di Avellino e Benevento. Paesi e comunità silenti appollaiati su colline un tempo innevate o avvolte nella nebbia, quando l'aglianico veniva raccolto tardi. Siamo infatti comunque su una media di 400 metri sul livello del mare, appena un po' più alti di Taurasi che sta a 300 e da cui dista 13 chilometri di curve che scollinano in continuazione.

L'azienda

Qui il compianto Lucio Mastroberardino aveva individuato il cru del Taurasi Pago de Fusi di Terredora, un rosso monumentale e imperdibile. E nella frazione Dentecane si registra a più alta concentrazione di aziende impegnate nella produzione di torrone, marchi famosi che esportano in tutto il mondo.
Beh, proprio qui, in contrada Vertecchia, è nata questa nuova azienda che vede impegnate tre socie: Maria Carla Di Gioia, Francesca De Girolamo e Ilaria Facchiano. Ma i motivi per cui ci piace soffermarci su questa nuova avventura sono due. Il primo è che il direttore commerciale è Nicola De Girolamo, papà di Francesca e dell'ex ministro dell'agricoltura Nunzia. il secondo è l'enologo Francesco De Pierro.

Francesca De Girolamo

Nicola De Girolamo è stato per oltre un quarto di secolo direttore della Cantina del Taburno e contribuì, all'inizio degli anni '90, all'affermazione dei vini autoctoni campani con una linea di bianchi che ben presto si affermò sul mercato napoletano, sin o a quel momento consumatore di vini provenienti da altre regioni. Coda di Volpe Greco e Falanghina furono il tridente che affascinò i consumatori imponendosi con un giusto rapporto qualità/prezzo sfruttando l'esperienza dell'enologo Angelo Pizzi. In un secondo momento la Cantina, con l'ingresso di Luigi Moio, lanciò il Buie Apis, uno dei rossi da Aglianico più importanti della Campania che ha avuto molti riconoscimenti dalla stampa specializzata.
Il legame con Moio è nella scelta del giovane enologo che è stato suo allievo al corso di Enologia del Dipartimento di Agraria e che poi si è fatto le ossa studiando e lavorando per quattro anni in Francia tra Bordeaux e la Cote du Rhone.

Francesco De Pierro e Ilaria Facchiano

In simbolico cambio di testimone generazionale in cui l'energia giovanile si coniuga all'esperienza di una vecchia volpe che ben conosce il mercato in tutti i suoi risvolti.
L'azienda ha poco più di otto ettari, di cui 5,5 vitati (a cui si aggiunge uno in fitto) mentre il resto è occupato da ulivi. Le concimazioni sono di natura organizza e già si applica il protocollo regionale di lotta integrata ma è in programma la conversione biologica.

L'azienda si presenta con i tre bianchi.


Greco di Tufo docg Le Arcaie 2019
Un bianco ottenuto dalle uve coltivate su suolo tufaceo a Montefusco, paese che rientra nella zona docg del Greco e famoso per alcune delle sue migliori espressioni. Un bianco ricco, ovviamente ancora giovane, lavorate in parte in acciaio e in parte in barrique nuove. Decisamente ampio e complesso, va conservato secondo noi almeno un annetto prima di un nuovo stappo come sempre avviene per i Greco.

Fiano di Avellino docg Bacio delle Tortore 2019
In questo caso le uve sono di Lapio, l'unico paese in cui si incrociano le docg Taurasi e Fiano di Avellino. Siamo a 540 metri sul livello del mare e anche in questo caso si è avuta una lavorazione parallela tra acciaio e legno. Il Fiano di Lapio esprime sempre una complessità straordinaria ed è in grado di attraversare il tempo oltre ogni immaginazione come pure tante verticali hanno ormai dimostrato. Proprio gli studi del professore Moio hanno rivelato che il Fiano non solo resiste, ma si evolve con il tempo. Questa interpretazione ha certamente un occhio per la freschezza e la immediatezza, ma a nostro parere è un piccolo gioiellino che si rivelerà alla grande fra cinque, sei anni.

Irpinia Falanghina doc Piano del Cardo 2019
A riprova della serietà della impostazione aziendale, parliamo di uva coltivata proprio a Pietradefusi in provincia di Avellino in un conteso nel quale la maggioranza delle aziende irpine acquista uva o vino direttamente a Benevento, la cisterna della campania. Ci è piaciuto molto l'equilibrio perfetto tra il frutto e il legno che fa solo da spalla. Come beva è sicuramente più avanti degli altri due bianchi, ma anche in questo caso conviene attendere almeno l'autunno prima di stapparne altre.

E i rossi? A giugno in arrivo l’Irpinia doc, a settembre il Campi Taurasini e poi, ovviamente, il Taurasi. Di questi tempi ci è sembrato giusto segnalare una partenza in salita da parte di una giovane azienda. I presupposti per fare un grande lavoro secondo noi ci sono tutti e chi vivrà, berrà.

Tenimenti d’Alessandro - Toscana IGT Viognier 2019

di Carlo Macchi

Solo la dizione francese Vionier con la “r” accennata, può ingentilire il termine viognier e solo una gran mano e un terreno adatto possono dare l’esplosione di frutto (agrumi, albicocca, pesca) e la perfetta grassezza a un vitigno che poche volte ho trovato così meravigliosamente espresso.


Buonissimo!!!

E se vi dicessimo che sta nascendo la prima guida del vino in diretta?!?


di Carlo Macchi

Sembrano passati secoli da quando gli appassionati di vino aspettavano novembre inoltrato per conoscere i risultati dell’unica guida vini allora sul mercato. Il web ha velocizzato tutto (oltre ad aver stravolto anche lo stesso concetto di guida vini) e ormai i risultati degli assaggi di qualsiasi guida vengono prima pubblicizzati prima sui social e poi stampati.
Per quanto ci riguarda noi di Winesurf abbiamo sempre seguito la strada della guida online gratuita e questa strada ci rende ancora unici nel panorama nazionale.


Invece non sono certamente una cosa unica i filmati sul tema del vino che hanno invaso il web e i social da quando il coronavirus ci ha cambiato la vita: interviste, incontri, presentazioni di aziende, degustazioni “a senso unico” (cioè io assaggio e tu ascolti), a “doppio senso di circolazione” (con i vini spediti a casa) e chi più ne ha più ne metta.
Su questa indigestione di video si sono formati due schieramenti: il primo sostiene che una volta liberi dal virus si ritornerà a preferire le sane visite in cantina, il secondo afferma che comunque, pur ridimensionato, il “video web” continuerà ad essere usato in varie forme.
Anche all’interno della redazione di Winesurf si sono create fazioni pro e contro e alla fine la discussione ha portato alla nascita di un’idea , crediamo, abbastanza rivoluzionaria: la prima guida vini in diretta.

GUIDA VINI IN DIRETTA? Ci spieghiamo meglio.

Da oramai 14 anni la nostra guida vini ci porta ad assaggiare  tra i 6000 e i 7000 vini all’anno. Da sempre noi degustiamo solo di mattina e così ci è venuta l’idea di organizzare, per  il tardo pomeriggio dello stesso giorno,  un incontro video in cui presentare i risultati della degustazione  mattutina.
In altre parole, ferma restando la pubblicazione dei risultati completi  della degustazione su Winesurf (che avverrà con i soliti tempi) dopo 3-4 ore dal termine della degustazione apriremo una diretta (con ZOOM probabilmente) ,collegandoci anche con  Facebook e magari con Instagram in cui, oltre  a far presentare quel  territorio da un responsabile locale, parleremo dell’annata degustata e, soprattutto, presenteremo i migliori vini della degustazione, commentandoli e comunicando il punteggio da loro ottenuto.


Praticamente una guida in diretta (a proposito, alla diretta inviteremo anche i produttori) che crediamo potrà servire molto al consumatore finale, che riceverà una bella serie di consigli, potrà fare domande sia a noi che ai produttori e, last but not least, approfittare dell’immediatezza per poter  scegliere di acquistare un vino invece di un altro.
Con un filmato di 30-40 minuti (che, ripetiamo, affiancherà  e non sostituirà la guida online e tutti gli articoli di approfondimento) si potranno avere chiare indicazioni immediatamente  utilizzabili, nonché informazioni su quel territorio, su come è andata la vendemmia, sui produttori stessi.

Crediamo che questa innovazione possa essere utile un po’ a tutti: ai consumatori finali che avranno informazioni  “appena sfornate”, ai produttori che  potranno interagire in diretta con i consumatori  finali e, in definitiva, anche a noi di Winesurf per aver creato una nuova strada per le guide sul vino italiano.

Gli incontri della Guida in diretta verranno naturalmente pubblicizzati in precedenza su Winesurf e sui canali social. Visto che ci siamo vi comunichiamo che le prime due degustazioni riguarderanno le nuove annate della zona di Mamojada  e del Chianti Rufina. Tra qualche giorno pubblicheremo le date esatte degli assaggi con l’orario della diretta.

Cantina del Tufaio - 6 Gemme Bianco 2018


di Roberto Giuliani

Un anno in più di bottiglia e ora è davvero notevole, frutto dell’esperienza di Claudio e della “visione” della figlia Nicoletta. 


Malvasia puntinata e trebbiano giallo, un gioco elegante di fiori, frutti e miele che lascia il segno anche al palato. Una bellissima espressione di bianco laziale.

www.cantinadeltufaio.it

F.lli Cigliuti - Barbaresco Serraboella 1997


di Roberto Giuliani

Era tanto che non assaggiavo una vecchia annata del Serraboella di Renato Cigliuti, la lunga sosta a casa dovuta alla quarantena mi ha spinto a cercare in cantina se ci fosse ancora qualcosa di questa storica azienda di Neive e ho trovato questa 1997. Devo dire che stappo sempre con un certo timore questo millesimo, definito allora annata del secolo, più che altro per ragioni commerciali, eravamo all’apice del successo con il vino italiano, si vendeva “en primeur”.
In realtà, man mano che passavano gli anni, ci si è resi conto che si trattava di un’annata decisamente pronta, grazie anche al caldo estivo che aveva portato a maturazione il frutto e anche a una certa concentrazione materica, vini più fitti che particolarmente eleganti. Il tempo ha poi mostrato qualche limite di tenuta, a macchia di leopardo, a testimoniare che non sempre un vino, soprattutto se parliamo di Langhe, particolarmente apprezzato appena esce in commercio, ha le carte per mantenere le promesse iniziali.
Ma qui abbiamo di fronte uno dei cru più amati e contesi dell’area del Barbaresco, giunto alla ribalta soprattutto grazie a Renato Cigliuti e Paitin (ma ci sono altri nomi di spicco come i Barale, Massimo Rivetti e Fontanabianca). La prima annata di Serraboella di Renato risale al 1964. C’è da dire che non tutto il Serraboella riesce a dare grandi vini, parliamo di una superficie totale di poco più di 54 ettari, ma quelli dove il nebbiolo è in grado di esprimere il massimo sono meno di 30, tutti posizionati sul crinale che guarda a Neive ed esposti a ovest e sud-ovest.


Mi decido ad aprirlo, per fortuna senza difficoltà grazie a un tappo da 5 cm. che ha tenuto perfettamente per quasi 20 anni la posizione orizzontale del vino.
Una volta versato lo lascio ossigenarsi per un bel po’, diciamo almeno mezz’ora, non senza accostarlo periodicamente al naso per sentirne l’evoluzione espressiva.
La riduzione è minima sin dall’inizio, si apre senza particolari difficoltà, mostra un colore ancora solido sul granato, con unghia che inizia a virare verso il mattone.
Ecco, all’olfatto emerge chiaro che il vino ha tenuto bene, anzi, direi benissimo, si respirano note quasi fresche, le componenti terziarie sono contenute, sottobosco e funghi, felce, ma c’è anche la liquirizia e un frutto maturo per nulla stanco.


In bocca è sorprendente, prima di tutto perché testimonia come Renato ha saputo interpretare bene l’annata, non c’è alcun affaticamento nel vino, l’acidità è lì, ben percepibile, il tannino solido e di grana finissima, il sorso è davvero fresco, non c’è massa ma eleganza, il meglio che possa offrire questo cru di Neive; il vino sembra dichiarare con fermezza che a 23 anni dalla vendemmia la sua ultima ora è ancora lontana.
E più passano i minuti più si accende, vibra, scalpita, mi tocca pure ringraziare mister covid-19, altrimenti chissà quando avrei aperto questa bottiglia…

Cantina Ripoli – Chianti Classico 2017

di Andrea Petrini

Passare da grande appassionato di vino a vignaiolo di carattere non è da tutti ma Francesco Sarri vola sulle ali dell’entusiasmo producendo un Chianti Classico  straordinariamente godibile, succoso e degno compagno di questa quarantena. 



Bravo! Bis!