Riflessioni naturali per un vino senza fazioni


Qualcuno scrive che: "Se si vuol far vini da territorio bisogna mettersi in testa di buttare bustine varie con additivi e conservanti, filtri e concentratori, oltre che pesticidi ed erbicidi nel vigneto. Altrimenti si fanno vini moderni, ripetibili, senz’anima".

Altri scrivono che:"Sarà, ma la merda di vacca, mischiata pure all’aceto, non è esattamente quello mi aspetto quando apro una bottiglia di vino..".

Probabilmente hanno ragione entrambi, ma questi giorni sto vedendo troppe fazioni schierate a tutela di qualcuno che, forse, non si accorge che sta percorrendo allegramente la seconda frase. 
I veri amici, invece di leccargli il culo, dovrebbero convincerlo che fare vini naturali, buoni e ripetibili non sarebbe così male.

Fine delle trasmissioni. Domani si parte per Montalcino ma non vado a Benvenuto Brunello, sti giorni cerco contatti umani e non degustazioni seriali.



Posta un commento