Elisabetta Foradori sogno erotico degli appassionati di vino. O di Sandro Sangiorgi?


Ho già vari post su Elisabetta Foradori da pubblicare ma quanto letto su Porthos n°30 del 2008 mi ha fatto cambiare tutti i recenti "piani editoriali". 


Come non postare e condividere questo pezzo di letteratura enoerotica degna del miglior Boccaccio?

A quel tempo non sapevo chi fosse il Foradori che si celava dietro quell’etichetta minimale. Solo l’anno dopo sentì parlare di Elisabetta e non fu grazie al suo talento di produttrice.  
Un amico, per descriverne l’avvenenza fisica, il carattere, lo sguardo e il fascino coinvolgente, mi disse che, durante una visita in cantina, la sua fantasia era possederla lì, tra le barrique.[...]. 
Quando le raccontai l’episodio, durante l’intervista pubblicata su Porthos 1, Elisabetta mi disse che essere una “donna del vino” non era poi così complicato, la parte difficile non era tenere a bada gli occasionali spasimanti, quanto non farli sentire in imbarazzo di fronte alla sua intelligenza.

Capisco che Sangiorgi adori la verità assoluta e abbia un rapporto di amicizia di lunga data con la Foradori però.....non si possono scrivere ste cose.....daiiiiiiiiiii!! Nemmeno presso le caserme! 

O, magari, il Sandro nazionale ha riportato tra le righe il SUO sogno erotico?

Fonte: middlebury.edu

Posta un commento