E se il prezzo del vino lo decidessimo noi?


Tutti noi, quando beviamo un vino, alla fine cerchiamo sempre di capire se la qualità che abbiamo percepito sia in qualche modo proporzionale al prezzo della bottiglia. Quante volte abbiamo inveito contro il produttore di turno, spesso di zone vitivinicole alla moda, che vende il suo vino a prezzi da gioielleria senza fornire al tempo stesso alcune emozione al degustatore.
Bene, forse le cose stanno per cambiare e la "rivoluzione", per piccola che possa essere, sta partendo da una nota catena di enoteche di Londra che durante questo fine settimana ha dato vero potere al consumatore finale.


In pratica per quattro giorni, culminati nel week end precedente, tutte e 37 le enoteche della catena Oddbins hanno fatto degustare, rigorosamente alla cieca, tre tipologie di vino a tutti i loro clienti che, al termine, dovevano scrivere il prezzo al quale lo avrebbero acquistato. Al termine si determina il prezzo medio del consumatore (CRP) che sarà quello effettivo di vendita.
Ayo Akintola,  manager della catena, ha dichiarato che "almeno cento casse di ciascun vino saranno vendute al prezzo voluto dal cliente che, con questa operazione, è stato messo al centro della filosofia aziedale. Certo, il rischio di perderci da questa operazione c'è ma noi di Oddibins accettiamo il rischio pur di mettere al centro della nostra filosofia aziendale il cliente finale".


In attesa di conoscere i risultati finali, che si sapranno entro due settimane, cerco di capire se una cosa del genere possa essere fatta in Italia e, comunque, possa essere realistica. 
Immagino già schiere di distributori, intermediari e parassiti vari che vanno in piazza, immagino già sciami di produttori "offesi" dalla scarsa valutazione del loro vino. Mah, ha pensarci bene nell'Italia dei furboni e dei privilegi il CRP è pura utopia.



Posta un commento