Succede a Campo de' Fiori


Ieri pomeriggio, camminando per Campo de' Fiori, a pochi passi dalla bistrattata statua di Giordano Bruno, vedo due turisti che chiedevano ad alcuni passanti se potevano far loro una foto davanti ad un negozio. Incuriosito dalla scena mi fermo a guardare e capisco che la loro intenzione è quella di immortalarsi davanti ad una vetrina piena di bottiglie. Il locale, come molti altri nella piazza, è un'ex bottega oggi trasformata in una sorta di negozio di alimentari acchiappaturisti con ambiziosa esposizione di alcolici da sbronza.

La stutua di Giordano Bruno a Campo de' Fiori. Fonte:http://www.destination360.com
Visto che non mi faccio mai i cavoli miei, mi fermo a parlare con i due fidanzatini teutonici e gli chiedo il perchè di quella foto. Mi rispondono in inglese che vogliono un ricordo dei VINI DI ITALIA e, anzi, ora entreranno a comprare un vino da riportare a casa.
Guardo bene l'esposizione, la migliore bottiglia offerta è un modesto Fragolino Rosso Spumante che, col sole, ha tutta l'etichetta sbiadita.

Il mercato a Campo de' Fiori. Fonte: therepublicofless.wordpress.com
Non so se ridere o se piangere: i due turisti torneranno in Germania convinti di avere nel bicchiere un vino di territorio mentre il venditore si sfregherà ancora una volta le mani per aver rifilato l'ennesima fregatura. 

Questo succede nel centro di Roma, ogni giorno...

Posta un commento