Fulvio Bressan tra Rosantico 2009 ed incazzature varie


Per qualcuno Fulvio Bressan potrebbe avere un caratteraccio o scarse capacità di relazione però, che piaccia o no, certe sue affermazioni fanno pensare e spezzano un pò il clima da Mulino Bianco che spesso aleggia nel mondo dell'informazione.
Poco tempo fa era a Roma per la presentazione del suo Rosantico 2009 e, in esclusiva per il mio blog, ha rilasciato altre dichiarazioni al vetriolo.
Premetto però una cosa: Percorsi di Vino è un contenitore aperto a tutti e siamo sempre a disposizione di chiunque voglia replicare a Bressan che, nemmeno a dirlo, si assume tutta la paternità delle affermazioni.
I temi trattati sono tre: vini naturali, Consorzi di Tutela e Superwhites.




Basta polemiche per oggi, è ora di bere il Rosantico 2009 (moscato rosa 100%), ultima creazione di Bressan prodotta in sole 2000 unità visto che questo tipo di uva, avendo un alto livello di colatura ed una bassa allegaggione, presenta una resa di 300 - 400 gr per ceppo (20 q/ha).
Al naso sprigiona tutta la sua intensa aromaticità che si apre su note di fiore di pesco, ribes e fragolina di bosco a cui, col tempo e l'ossigenazione, seguono tocchi di petali di rosa e ruggine.
In bocca è secco, di grande corpo, scontroso, persistente, un vino solo apparentemente per "femminucce" che, magari, avrebbero preferito una versione dolce e carezzevole del Rosantico. 
Una chicca che terrò in cantina perchè per me evolverà alla grande. 
Al mercato nazionale saranno destinate circa 300 bottiglie (distribuite sul territorio nazionale da Les Caves de Pyrene).


Posta un commento