Torna “Il Grande Verdicchio”, serie di approfondimenti dedicati al più importante dei vini bianchi dell’Italia Centrale

All’interno del ricco programma della 80esima edizione della Sagra dell’Uva, da venerdì 29 settembre a domenica 1 ottobre, anche tre appuntamenti per discutere delle peculiarità del Verdicchio dei Castelli di Jesi della zona di Cupramontana con i produttori del territorio e con alcuni dei più attenti giornalisti del vino italiani.


Un percorso fatto di storia e di diversi stili produttivi. È così che si potrebbero sintetizzare i tre appuntamenti che anche quest’anno caratterizzeranno “Il Grande Verdicchio”, approfondimento che dal 2011 accompagna la Sagra dell’Uva di Cupramontana. Una serie di incontri che ormai fanno parte della sua tradizione e che nel corso degli anni hanno permesso ai partecipanti di toccare con mano le peculiarità dei prodotti di un territorio unico nel panorama dei vini bianchi italiani. 

Giovedì 28 settembre, in un momento di anteprima, verrà presentata la Strada del Gusto di Cupramontana, l’associazione che vede raggruppate le aziende vitivinicole della zona. Un appuntamento per raccontare il lavoro portato avanti fino a oggi e durante il quale presentare alcune delle iniziative previste per il futuro. A seguire una degustazione dei vini del territorio cuprense in compagnia di Pierpaolo Rastelli del Gambero Rosso e Francesco Quercetti di Slow Wine. 

Venerdì 29 settembre il primo dei due laboratori previsti. Fabio Pracchia, redattore della guida Slow Wine, andrà alla scoperta di alcune vecchie bottiglie di Verdicchio di Cupramontana. Una degustazione pensata per approfondire non solo le potenzialità in termini evolutivi dei vini di una zona conosciuta come “Capitale del Verdicchio” fin dal 1939 ma anche per riflettere sull’espressività del territorio cuprense con il passare del tempo. 

Sabato 30 settembre Monica Coluccia e Alessio Pietrobattista, anche tra gli autori della guida “99 Maison di Champagne”, approfondiranno una delle tipologie meno conosciute ma più attuali della zona, quella degli spumanti. Un laboratorio dedicato al mondo dei metodo classico con particolare attenzione a quelli prodotti nella zona di Cupramontana in un interessante confronto con altri spumanti a base di verdicchio e non solo. 

Tutti gli appuntamenti si terranno presso Enocupra, spazio all’interno del MIG - Musei in Grotta di Cupramontana. Un’area ricavata nelle Grotte del Convento di Santa Caterina oggi gestita proprio da La Strada del Gusto di Cupramontana e nata per valorizzare le produzioni vitivinicole del territorio, oggi attrezzata per accogliere i visitatori di Cupramontana e per far assaggiare loro un grande numero di vini in un affascinante e completo percorso di degustazione. 

La partecipazione alla presentazione del giovedì è gratuita fino a esaurimento dei posti disponibili. I laboratori del venerdì e del sabato sono a numero chiuso con prenotazione da effettuarsi entro mercoledì 27 settembre. Il loro costo è di 10 euro (oltre al biglietto d’ingresso alla Sagra dell’uva), da versare all’inizio di ogni serata. 

Per informazioni e prenotazioni: jacopocossater@gmail.com.
Posta un commento