Oggi l'Amarone ed il Recioto diventano Docg

L’Amarone e il Recioto tagliano il traguardo della Docg. Il primo marzo per i due vini simbolo del Veneto diventa ufficiale la denominazione di origine controllata e garantita che contraddistingue il gotha dell’enologia. Un traguardo atteso da oltre 15 anni per un riconoscimento “doveroso” come spiega al VELINO il presidente del Consorzio della Valpolicella Luca Sartori. “Finalmente dopo una lunga tribolazione ci siamo.
L’Amarone – sottolinea Sartori – sarebbe dovuto essere uno dei primi vini e non uno degli ultimi a meritare la Docg”. Con la nuova denominazione cambierà anche il disciplinare: si prevedono modifiche riguardo all’imbottigliamento, che avverrà nelle zone di produzione, la chiusura temporanea dell'albo dei vigneti, la possibilità di intervenire di anno in anno rispetto alle uve rivendicabili e alle uve da mettere a riposo e la valorizzazione dei vitigni della zona di Verona.
Ma non c’è solo la Docg. La Valpolicella ha un altro motivo per festeggiare: è stata infatti premiata come regione vinicola del 2009 dalla prestigiosa rivista americana Wine Enthusiast. “È stato un premio al lavoro di squadra fatto negli ultimi decenni – continua Sartori -. Da zona che produceva bene ma a cui non veniva riconosciuto un livello qualitativo di eccellenza la Valpolicella è stata riconosciuta a livello internazionale battendo perfino lo champagne”. Un ritorno di immagine che non può che far piacere a un vino, come l’Amarone, con una forte vocazione all’export con oltre il 70 per cento della produzione diretto in altri paesi.
Docg a parte, il Consorzio della Valpolicella che conta 152 imbottigliatori di cui 3 cantine sociali e circa 1800 aziende agricole, si troverà ora ad affrontare le novità introdotte con la riforma Ocm vino. Secondo Sartori si tratta di “una grande opportunità”. Perché se è vero che ai Consorzi non spetterà più il controllo del prodotto, trasferito a soggetti terzi, “avranno più poteri su altri aspetti come promozione, valorizzazione e vigilanza post certificazione. Noi – spiega Sartori – abbiamo già cambiato pelle e avendo una denominazione sana e forte crediamo che questa riforma sia positiva perché dà ai consorzi la gestione dell’offerta che permetterà un controllo completo sulla filiera”.
Tra le attività di promozione già sono in programma eventi in Nord Europa e area scandinava “mercato molto interessante per i nostri vini, ma dove c’è anche tanta contraffazione” e il progetto triennale “Vini dell’Alsazia” che partirà alla fine 2010 oltre che eventi a Roma e Milano. Infine un bilancio sul 2009. “Dopo un inizio di anno che faceva temere il peggio – sottolinea Sartori – la decisione di alleggerire le scorte e abbassare le uve destinate ad appassimento ha frenato il calo dei prezzi che sono tornati a livelli normali. Anzi dagli 8.5 mln di bottiglie del 2008 di Amarone abbiamo superato i 9 mln facendo segnare un +7 per cento mentre la Valpolicella ha mantenuto le quotazioni. Il 2010 è iniziato in modo meno nero. È presto per fare previsioni ma siamo cautamente ottimisti”.

Fonte: Il velino
Posta un commento