Il mondo del vino piange Anna Martinengo, la regina del Barbera

E' morta Anna Bologna, poco più che sessantenne. Le campane del suo paese Rocchetta Tanaro, ai confini tra l'Astigiano e l'Alessandrino hanno suonato ieri pomeriggio per salutare questa straordinaria donna del vino che lottava da tempo contro un tumore. Anna Martinengo, fino al giorno di Natale del 1990 era conosciuta nel mondo del vino, soprattutto come la moglie di Giacomo Bologna: un colosso di simpatia e un genio enologico, scomparso a soli 52 anni. Fu lui a rilanciare la barbera partendo da «La Monella», briosa e beverina, e il possente «Bricco dell’Uccellone». Giacomo aveva il progetto di far costruire una nuova cantina. Ma la malattia lo vinse.

Anna da quel Natale di vent'anni fa si ritrovò sola, con due figli. «Dopo i giorni del lutto da un’altra azienda piemontese, mi fecero sapere che se avevo intenzione di vendere loro erano disposti. Capivano le mie difficoltà...». Ma non avevano messo in conto la capacità di questa donna di Belveglio, solida e tenace come una quercia. Decise di far costruire la nuova cantina, solo lambita, per fortuna, dalle acque del Tanaro nell’alluvione del 1994.

Negli anni scorsi con l'aiuto di Luigi Veronelli e altri amici ha organizzato un premio alla "Qualità della vita" dedicato al marito. Tra i premiati amche Gianni Rivera e Padre Eligio che erano stati coinvolti dalla simpatia della famiglia Bologna. A Rocchetta il fratello di Giacomo ha un famoso ristorante e i vini dell'azienda Braida sono conosciuti in tutto il mondo.

Vendemmia dopo vendemmia l’azienda si è consolidata: oggi firma oltre mezzo miliome di bottiglie, ha 35 ettari di vigne, un fatturato di 5 milioni di euro e 18 dipendenti. Per il 40% vende all’estero. Raffaella, il ritratto vivente del padre, segue le vendite in tutto il mondo con Norbert il marito austriaco che ha lasciato la laure in medicina per amore. Beppe con la moglie Cristina cura i vigneti e la cantina che è stata recentemente allargata.

Anna fino all'ultimo ha fatto la nonna dei bei nipotini e fino all'ultimo sulle decisioni importanti è stata lei con il buonsenso a decidere, «come avrebbe fatto Giacomo», il marito che l'aspettava tra i filari del cielo.

Fonte: La Stampa. Articolo di Sergio Miravalle
Posta un commento