E mentre gli altri erano in Fortezza per Benvenuto Brunello 2005...

...con qualche produttore e qualche amico appassionato ci siamo ritrovati al ristorante “Il Pozzo” di Colle Sant’Angelo per valutare senza problemi alcuni Brunello 2005 e, soprattutto, valutare qualche vecchia annata che, magari, era stata o meno sopravvalutata in tempi non recenti.
Accanto a succulenti piatti di pappardelle al cinghiale e bistecche alla fiorentina ecco, di seguito, qualche nota interessante e qualche consiglio per i futuri acquisti:
Brunello di Montalcino San Lorenzo 2005: è ormai dal 2003 che seguo l’evoluzione di questo giovane produttore toscano e, anno dopo anno, il suo vino mi piace sempre più, sta acquistando personalità e complessità. L’ultima annata è di grande finezza, leggiadria, è un’esplosione di fiori, piccoli frutti rossi e spezie scure. Bocca equilibrata, armonica, di buona persistenza. Non ho idea di quanto potrà evolvere ma già da ora è bevibilissimo.
Brunello di Montalcino Il Poggione 1999
: grandissimo vino, profondo, scuro con le sue note di tabacco, prugna della California, cardamomo, humus, grafite a cui si aggiunge, splendida, una intensa nota affumicata, di camino, che rende il vino compagno ideale in queste serate uggiose. Gusto di grande impatto, in bocca il vibrante tannino ci annuncia che questo Brunello avrà ancora tempo davanti. Ottima chiusura su note di frutta nera.
Brunello di Montalcino Stella di Campalto 2005
: un Brunello che non troverete in Fortezza visto che l’azienda, per così dire, non è in buoni rapporti col Consorzio. Vino da agricoltura biologica, al naso si presenta di grande freschezza, netti i sentori balsamici poi arriva il frutto croccante, tutt’altro che maturo, e una leggere sensazioni di spezie orientali e minerali. In bocca è rotondo, setoso, tutto è perfettamente fuso in una grande armonia di fondo. L’unico neo di questo vino? Forse il prezzo non proprio alla portata di tutti.
Brunello di Montalcino Cerbaiona 1998
: naso particolarissimo, non riesco a sentire precisamente degli aromi, dopo dodici anni tutto sembra perfettamente fuso in un unica grande caleidoscopica essenza composta da frutta nera, fiori, spezie. In bocca è spettacolare la sua carica giovanile, sembra un vino appena uscito, tannino graffiante e fervida acidità rendono tutto splendidamente vivo e di grande equilibrio. Alla cieca farebbe dei seri danni…
Rosso di Montalcino Soldera 1980
: chicca regalata dal sempre generoso Fabio Cagnetti. Poche parole: ci troviamo di fronte ad un vecchio playboy, la sua bellezza ormai sfiorita non riesce a celare totalmente il suo glorioso passato fatto di suadenti olfazioni e palati finemente sedotti nonostante un’annata tutt’altro che esaltante a Montalcino. Oggi possiamo percepire solo l’eco di quello che fu un tempo ma, nonostante tutto, continuiamo a rimanere incantati di questo vecchio signore, esterrefatti e anche un filo gelosi delle sue vecchie e nuove conquiste. Grazie Gianfranco.
Posta un commento