Se scrivo di vino e non di fusione nucleare c'è un motivo...

Tramite Google Alert ogni giorno ricevo tutta una serie di link che parlano di vino. Tra i vari presenti, mi è subito balzato agli occhi un articolo pubblicato da RomagnaNoi che decantava il “Marignanum”, un vino da vitigno….beh leggete voi e trovate gli errori (alcuni davvero clamorosi).
Un consiglio a chi redige questi articoli: a Roma si dice “nun t’avventurà”, se scrivi di vino almeno le basi…..

Rimini - "Marignanum" il nuovo San Giovese

Presentato il vino della fattoria Poggio San Martino. E’ già approdato in Alsazia, terra dello Champagne

SAN GIOVANNI IN MARIGNANO - Presentato ufficialmente questa mattina il “Marignanum” nuovo Sangiovese di Romagna superiore riserva 2007. Un vino che rievoca le radici del nome della città: il nome marignano deriva infatti dall’antico “fundus Marniani”, fondo agrario di probabile derivazione tardo romana ora scomparso. A salutare il nuovo vino della città il sindaco Domenico Bianchi e l’assessore alle attività economiche Nicola Gabellini contenti della produzione del nuovo vino che rievoca le radici storiche della città. “Padri” della nova creatura Antonio e Daniela Galli titolari della Fattoria Poggio San Martino, fondata nel 1958 da Mario Galli, padre di Antonio. L’azienda a breve avrà una conduzione femminile con la giovane Sara Galli 20 anni studentessa in vitivinicoltura ed enologia.
Il” Marignanum” è un Sangiovese di 14 gradi superiore riserva 2007. Per 1 anno è stato affinato nelle botti d’acciaio e per ‘ anno nelle botti di legno e per tre mesi nella bottiglia ed ora pronto per fare il suo debutto in tavola vicino a pietanze a base di buona carne. La sua origine è nei vigneti saludecesi di Poggio San Martino Trivellino dove la famiglia Galli possiede 6 ettari di fila
ri. 12 le etichette all’attivo per 1500 quintali di vino all’anno della fattoria Poggio San Martino che ha clienti in tutta Europa tanto che il “Marignanum” è già arrivato in Belgio, a Francoforte e Liegi, a S. Martin nelle Antille Olandesi ed in Alsazia patria dello Champagne.
Posta un commento