Voglia di bollicine,? Abate Nero!

Con questo caldo non avete voglia di bere un bellissimo spumante, magari un TrentoDoc?
La scelta di Percorsi di Vino, questa settimana, è andata ad una piccola cantina trentina, Abate Nero che, nel suo nome, evoca la figura dell’abate francese ritenuto il “papà” dello Champagne. Ma qua non siamo in Francia, ci troviamo in Italia, nello splendido Trentino, e la sfida ai cugini d’oltralpe è partita tempo fa dall’impegno di un gruppo d’amici, tutti legati al comparto agronomico e del vino, decisi ad elaborare delle “bollicine” di ottima qualità ma di grande originalità, indiscutibili esempi del TrentoDoc. La prima “cuvèe” viene assemblata quasi per gioco, per provare l’ebbrezza di far rivivere un vino in bottiglia. Il risultato? Un successo tanto che la sfida s’è trasformata in una gioiosa impresa produttiva.
Il carattere originario però è rimasto identico: produzione artigianale, rispettosa dei dettami della spumantistica classica, massima cura di ogni fase, a partire dalla cernita delle uve destinate ai “mosti base”, quelli che consentiranno al vino di rifermentare lentissimamente in bottiglia. E trasformarsi in Abate Nero. La pazienza qui è di casa. Il vino riposa sui lieviti “per la presa di spuma” molto più a lungo del solito. Non stupitevi, dunque, se in etichetta trovate date che risalgono a vendemmie di qualche lustro addietro. Ogni fase è manuale, per un controllo diretto di ogni singola bottiglia. Solo in questo modo l’Abate Nero raggiunge il suo fascino, uno charme che soprattutto il TrentoDoc Brut Riserva Cuvée dell’Abate pare avere incastonato nel suo DNA visto che, tutte le volte che l’ho degustato, mi ha davvero incantato.
Il millesimo 2003 non tradisce le aspettative, già appena si versa nel bicchiere si può subito notare l’eleganza della spuma e la finezza del perlage. Al naso è molto fresco, intenso, si percepiscono note di frutta bianca e un bouquet di fiori di montagna che ci rimanda con la testa alle rigogliose valli trentine dove lo Chardonnay, il Pinot Nero e il Pinot Bianco vengono piantati per dare origine a questa cuvée. Qualche sbuffo minerale esce alla distanza man mano che la temperatura del vino aumenta.
In bocca lo spumante mostra tutta la sua stoffa e la sua eleganza con una bocca di grande spessore, profondità ed eleganza. Ottima la scia finale che ancora una volta richiama i fiori bianchi, specialmente il giglio e la margherita, e una garbata mineralità.
Posta un commento