Anche la Francia alle prese con la legge anti-alcol

Girovagando tra la rete ho trovato questo articolo piuttosto inquietante di Marcel Michelson.

Le aziende vinicole francesi temono che i nuovi regolamenti a tutela della salute possano obbligarle a tenere le bottiglie sigillate nelle loro cantine, vietando le degustazioni e infliggendo un duro colpo al crescente turismo enogastronomico.
Il parlamento francese discuterà all'inizio di marzo una proposta di legge che prevede il divieto della vendita promozionale di bevande alcoliche per disincentivare il consumo eccessivo tra i giovani.
I produttori di vino temono che la cura si riveli peggiore della malattia, portando a un divieto delle degustazioni in un periodo in cui il settore è già colpito da forti limitazioni nella pubblicità e da progetti per contrastare la vendita online.
"E' inconcepibile, sarebbe un disastro e molte persone in Francia rischierebbero di perdere il lavoro. Le degustazioni sono parte integrante della promozione del vino, e servono ad educare la gente ad un consumo consapevole", ha detto Marie-Christine Tarby, direttrice dell'associazione Vino e Società.
Tarby ha precisato che la Francia è meno colpita dal "binge-drinking" rispetto ad altri paesi e che il vino non ha responsabilità nella diffusione di questo fenomeno.
Il rapporto difficile tra le aziende vinicole e le autorità francesi per la Sanità ha portato due giornalisti, Denis Saverot e Benoit Simmat, a pubblicare l'anno scorso un libro sul settore intitolato "In Vino Satanas!".
La frase -- che significa "nel vino c'è il diavolo" -- si rifà al detto latino "In Vino Veritas".
"Mentre tutti gli americani, i giapponesi e i cinesi sanno che la Francia è la patria del buon vino, la Francia vuole rinunciare a questo suo primato", argomentano i due giornalisti nel loro libro.
"Tutta la Francia? No, la Francia triste, che ha sostituito il glorioso slogan 'Libertà, Uguaglianza e Fratellanza' con 'Prevenzione, Precauzione e Sanità Pubblica'", aggiungono
.

(Fonte Reuters Italia)

Se dovesse passare veramente questa legge non soltanto ci rimetteremo noi appassionati di vino (che belle le degustazioni in cantina la scorsa estate a Bandol) e tutte le aziende produttrici ma, a ben vedere, anche tutto l'indotto (ristoranti, alberghi, etc.) subiranno un colpo non indifferente.

E se passasse anche da noi una legge così??
Posta un commento