Gambero Rosso e Slow Food. Fine di un amore?

La notizia è stata riportata ieri da Francesco Arrigoni sul sito del Corriere della Sera (http://webwinefood.corriere.it/2009/03/guida_vini_ditalia_divorzio_ga.html).
Gambero Rosso e Slow Food sembrano, e il condizionale è d'obbligo, sulla strada della separazione, più o meno consensuale, a causa di una serie di dissapori che, secondo l'autore dell'articolo, si possono così sintetizzare:
  • il cambiamento di proprietà e amministratori della società editrice del Gambero Rosso (la GRH spa) la cui quota di capitale è detunuta da una fiduciaria (e sui reali proprietari si sono fatte molte ipotesi tra le quali quelle di Paolo Panerai di Milano Finanza e l’imprenditore vinicolo Zonin, ma che da questi sono sempre state seccamente smentite;
  • l'estromissione dal Gambero Rosso di Stefano Bonilli;
  • la nascita della Federazione Vignaioli Indipendenti, la cui costituzione è stata ampiamente supportata da Slow Food che in tal modo abbandona le logiche dei grandi marchi per venire incontro ai piccoli vignaioli che spesso sulle guide trovano poco spazio.

Il futuro? E' tutto da vedere, intanto sul forum del Gambero Rosso ho aperto un topic per capire cosa ne pensano di tutto questo gli enoappassionati. Chissà che non mi risponda Cernilli...
(http://www.gamberorosso.it/grforum/viewtopic.php?f=13&t=58115&sid=c446951ce7b3a58b39e4d0c76a31fcb4)

Posta un commento