Visita al Domaine de Terrebrune

Situato ad Ollioules, il Domaine de Terrebrune, inizia la sua gloriosa storia quando, nel 1963, Geoges Delille acquisito questa proprietà, dove prima si producevano vino, olive, fiori ed ortaggi, e iniziò un lavoro incessante fatto di ripristino delle terrazze, delle pareti e reimpiantando tutti i vigneti. La cantina, edificata all’interno della roccia ed sapientemente interrata, è stata costruita nel 1975 ed è stata oggetto di studio affinché possa valorizzare al massimo le uve e il vino attraverso il sistema di pompaggio dello stesso per gravità.
Camminando sulle orme del padre, nel 1980, anno di produzione della prima bottiglia, Reynal Delille prende in mano le redini dell’azienda dopo aver portato a termine gli studi di enologia. Durante la sua guida l’azienda continua la sua crescita qualitativa sempre rispettando la tradizione enologia del Bandol. Oggi l’azienda si estende per circa 30 ettari, di cui 27 dedicati alla produzione di vini AOC, e vanta una produzione media annua di 1000 ettolitri.
Il Domaine Terrebrune è situato in una zona climatica strategica in quanto è localizzato alle pendici del massiccio calcareo Gros Creveau vantando anche una stupenda vista sul golfo di Bandol: questa fa si che il Domaine benefici durante l'anno di un perfetto microclima dovuto all'influenza dei venti (soprattutto il mistral) che soffiano, anche violentemente in estate, portando aria fresca e asciutta, quindi favorevole al buon mantenimento dell'uva, Mourvèdre in particolare, che come dice proprio il nome del Domaine poggiano su un terreno marrone scuro di età antichissima.
Il Domaine Terrebrune rispetta moltissimo l’ambiente in quanto sono vietati pesticidi ed insetticidi, è permesso il solo uso di zolfo o solfato di rame. A giugno viene praticata la potatura verde che permette di raggiungere l’obiettivo di qualità di un grappolo per ogni tralcio (produzione di 35/38 ettolitri per ettaro). Vendemmia totalmente manuale al fine di preservare al massimo l’uva. A tal fine ogni singolo cru viene vendemmiato singolarmente e ciò fa si che la raccolta, che teoricamente si potrebbe fare in 12 giorni, termine quasi sempre in 30. Durante la vinificazione, le uve subiscono una pressatura soffice e la fermentazione del mosto avviene a temperatura controllata. La maturazione, per i rossi, avviene in botti da 50/60 ettolitri per 18 mesi: tale periodo permette al vino di stabilizzarsi e di chiarificarsi naturalmente. Una volta imbottigliato, il vino dovrà affinarsi per un ulteriore anno all’interno delle buie cantine aziendali.
Durante la mia visita all’azienda, effettuata grazie ad una gentile e bionda signora, ho degustato una batteria di splendidi vini:
Bandol Terrebrune 2006 bianco: da uve 40% Clairette, 35% Ugni Blanc, 15% Bourboulenc, 5% Rolle and 5% Marsanne, è un vino che al naso esprime sensazioni di frutta esotica e fiori bianchi ma, soprattutto, una mineralità soprendente. Un bianco che svolge la malolattica e che a detta della nostra interlocutrice è molto territoriale.
Bandol Terrebrune 2004 rosso: da un 85% di uva Mourvèdre con il restante di Grenache e Cinsault, questo vino presenta al naso sentori di frutti rossi di rovo, ciliegia, tabacco e liquerizia. Giovane in bocca visto l’elevata tannicità, presenta un finale lungo e fruttato giocato su sentori di prugna matura e mora. Gran bel vino che potrà dare il meglio tra qualche anno…
Bandol Terrebrune 1998 rosso: contrariamente M precedente il vino ha un 80% di Mourvèdre, e presenta al naso sentori molto più complessi che vanno dalla prugna secca al mallo di noce, dal tabacco per pipa all’humus, dalla grafite al foxy. Bocca estremamente elegante ed equilibrata con un tannino che si fa ora setoso e carezzevole. Grande persistenza finale per un vino da applausi.
Bandol Terrebrune 1987 rosso: la mia sorpresa in questo caso, oltre al vino, è legata all’estrema gentilezza della nostra interlocutrice che apre al pubblico bottiglie così importanti e preziose. Magari lo facessero le altre aziende, italiane incluse! Vino sublime prodotto con solo il 60% di Mourvèdre. Naso caleidoscopico:sottobosco, fungo porcino, humus, tabacco e torrefazione si intrecciano uno nell’altro creando un impatto olfattivo di grande eleganza. Raffinato il tannino e, nonostante i venti anni, il vino presenta ancora un’acidità che promette ancora lunga vita. Chapeau!
Bandol Terrebrune 2007 rosè: 50% Mourvèdre e il resto diviso equamente tra Granache e Cinsault, presenta all’olfattiva note di pompelmo rosa, ciliegia acerba, mandarino, susina e burro. Vino dotato inoltre di una spiccata mineralità data dal terreno calcareo-argilloso di epoca preistorica. Vino che costa circa 14 euro e che, per questo, rappresenta un prodotto dall’elevato rapporto qualità/prezzo.
Bandol Terrebrune 1994 rosè: mi avevano detto che Bandol era terra di grandi rosati da invecchiamento e questo 1994 me ne ha dato la prova. Naso splendido giocato su note di miele, cera d’api, frutta secca e cannella. Bocca di un equilibrio strepitoso. Finale lungo e persistente giocato su note di miele e uva passita. Grande sorpresa per uno dei rosati a più alta longevità della Francia (e non solo….)
Concludendo, ringrazio tutto lo staff del Domaine de Terrebrune per la cordialità con cui ci ha accolto e per i grandi vini che ci ha fatto degustare, unici, come unico è il loro rapporto qualità/prezzo, davvero eccezionale.
Posta un commento