Domaine Sigalas - Santorini 2012

Continua il viaggio nel mondo dei vini greci di qualità importati dal mio amico Costas Linardos di Ellenika.it che, conoscendo perfettamente i miei gusti in tema di bianchi, durante la bella degustazione che abbiamo tenuto presso Bancovino mi ha detto chiaramente che:"...questo è il tuo vino, lo so!"

All'inizio non capivo molto quelle parole ma poi, tirando fuori la bottiglia dalla cantinetta, ho capito che probabilmente aveva ragione. 

Un Santorini!

A molti questo nome farà tornare in mente l'estate, il sole, le vacanze e le bellissime casette bianche col tetto blu che troviamo in ogni cartolina del posto. 


Santorini - Foto:it.secondglobe.com 

A me, che sono malato di vino, Santorini fa rima con mineralità. Insomma, questa isola greca l'adoro da sempre per i suoi bianchi caratterizzati da spiccata durezza.

Costas mi apre una bottiglia di Santorini del Domaine Sigalas, importante realtà locale che è stata fondata nel 1991 grazie al coraggio di Paris Sigalas (attuale presidente), Christos arkozane e Yiannis Toundas i quali, dopo anni di puro artigianato, hanno realizzato nel 1998 la nuova cantina a Oia, nella parte settentrionale dell'isola di Santorini. 

Paris Sigalas
L'azienda, attualmente, coltiva ben 19 ettari di vigneto diviso in varietà autoctone ancora a piede franco come Athiri, AidaniMandilaria, Mavrotragano e Assyrtiko, quest'ultima coltivata in larga scala (rappresenta il 90% delle uve a bacca bianca prodotte) in quanto considerata di elevata qualità e storicità visto che ci sono ipotesi che la considerano l'uva della vecchia Calliste, l'isola che esisteva prima che la grande eruzione del 1627 a.C. creasse l'attuale isola.



Santorini, come mi conferma anche Costas, ha anche altre peculiarità nel campo vitivinicolo. La più importante, a mio giudizio, riguarda la forma di allevamento della vita che viene detta "a canestro" o, in greco, "giristi": come si può vedere dalla foto sottostante, i lunghi tralci della vigna vengono arrotolati per terra per proteggere i grappoli dal sole e dai venti carichi di sabbia e sale. Le rese, per questo motivo, sono estremamente basse e, di  media, non vanno mai oltre i 20-28 hl/ha.

Potatura a canestro
L'altra caratteristica di Santorini riguarda il suo terreno che, come facile pensare, è estremamente povero e caratterizzato quasi esclusivamente da sabbia con piccolissime percentuali di argilla. In particolare, il suolo è formato da magnesio e ferro che provengono dalla cenere vulcanica e dalla pomice che, per sue caratteristiche, ha anche la possibilità di trattenere l'umidità proveniente dal mare garantendo così alla pianta risorse idriche che, complice il clima arido e l'assenza di impianti di irrigazione, altrimenti non potrebbe avere.

Il suolo di Santorini

Tornando a bomba sul vino, il Santorini 2012 di Sigalas (100% Assyrtiko), le cui vigne a piede franco terrazzate risalgono la caldera fino ad un'altezza di 250 metri, si presenta come il figlio legittimo del terroir di provenienza e cioè un vino dalla sapidità travolgente e dalla durezza vulcanica con lievi ma suggestive note di agrumi del Mediterraneo. Non cercate morbidezze e "piacionerie" varie nell'Assyrtiko di Sigalas, la sferzante acidità lo fa scattare al palato come una agile centometrista mentre in chiusura la scia salata del vino, a tratti salmastra e solo in parte corroborata da cenni di pompelmo ed erbe aromatiche, rende il vino interminabile e talmente volubile che il ribere immediatamente diventa un'esigenza impellente. 
Vinificazione in bianco in tini d'acciaio inossidabile a temperatura controllata. Nessun passaggio in legno. Contenuto alcolico 14,5 gradi che, fatemi sottolineare, non viene percepito assolutamente.


Con Costas ed Emanuele Fiorettti di Bancovino abbiano abbinato il vino ad uno dei piatti più importanti della cucina romana: la classica Cacio e Pepe. Beh, mai abbinamento è riuscito così bene!!

Anche questo vino, se volete, lo trovate in vendita su Ellenika.it!



Posta un commento