Istine, il Chianti Classico di Radda ha il viso di Angela Fronti

Angela mi aspetta all'interno del suo piccolo fuoristrada all'inizio di una delle tante strade sterrate che nell'areale del Chianti Classico rappresentano la porta di ingresso verso i tanti vigneti sparsi nella zona. Non siamo soli perchè, questa volta, ad accompagnarci c'è anche Alessandro Zingoni, blogger e sommelier toscano di grande competenza e passione.
L'idea comune, prima di andare a pranzare a Le Panzanelle, è quella di visitare i principali vigneti dell'azienda. 

Poche centinaia di metri di strada sterrata ci portano all'interno del vigneto Istine, probabilmente quello più importante perchè da queste uve la famiglia Fronti produce l'omonimo Cru aziendale.
La vigna, situata a circa 500 metri s.l.m. con esposizione nord-ovest, si estende per circa 5 ettari e mezzo ed è composta principalmente da sangiovese (95%) mentre il resto è piantato a canaiolo, colorino, malvasia nera e merlot. Il terreno, come facilmente identificabile dalla foto, è formato da galestro e alberese con piccole percentuali di quarzo.


Vigneto Istine
Il suolo

Durante la nostra passeggiata in vigna, dalle pendenze abbastanza proibitive per le nostre esigue forze mattutine, Angela ci parla un pò della sua storia:"La mia famiglia, che a Radda ha un piccola azienda di movimento terra e lavorazione di terreni agricoli, ha sempre prodotto vino dai vigneti di proprietà ma mio padre non si è mai occupato di fare qualità visto che fino a poco tempo fa vendeva tutto il vino in cisterna. Inizialmente non volevo fare la vignaiola, mi piaceva lavorare nel commerciale e così ho collaborato per anni con aziende come Tenimenti Luigi d'Alessandro a Cortona e Bindella a Montepulciano. Con loro mi sono divertita molto, ho girato il mondo e ho imparato molto sul mondo del vino, vendemmia compresa. Poi, vicissitudini famigliari, mi hanno portato a riconsiderare molte cose nella mia vita e ho deciso di tornare a Radda per occuparmi del "mio" vino. Così, mi sono rimboccata di nuovo le maniche e, mentre "bisticciavo" con mio padre per poter innalzare la qualità dei vigneti e del vino, ho iniziato a studiare enologia per poi laurearmi qualche anno dopo. Nel 2009 nasce il primo Chianti Classico firmato Istine, 2666 bottiglie. Grande soddisfazione ma è l'inizio, per me, di un duro lavoro....".


Pendenze
Angela è determinata e dalla sue parole capisco che in famiglia lo scontro generazionale, il conflitto tra vecchio e nuovo, non deve essere stato di poco impatto anche perchè Istine, oggi, è anche in conversione biologica. Angela, ridendo, aggiunge:"Non sapete quanto sia stato difficile far capire che la chimica in vigna non dovrà essere più usata...".

E' tempo di riprendere la macchina e andare a visitare gli altri vigneti, non ancora tutti in produzione, che attualmente si estendono tra Radda e Gaiole.

Pochi minuti di viaggio e ci fermiamo a due passi dal vigneto Casanova che, tra l'altro, è quello più vicino alla casa raddese di Angela. La vigna (3.89 ha totali), nella sua parte alta, è stata piantata nel 2000 (così come Istine) mentre la parte bassa ha una media di trenta anni di età. Rispetto al precedente, questo vigneto ha esposizione sud-est con terreno è più fertile e meno povero. Il sangiovese, anche in questo caso, la fa da padrone ma non è difficile capire dal colore delle foglie che in alcuni filari prevale il merlot piantato dal papà di Angela...


Vigneto Casanova
Vigneto Casanova

Per arrivare alla vigneto Cavarchione dobbiamo arrivare fino ai bordi di Gaiole in Chianti, a pochi passi da altre prestigiose aziende del posto. Il vigneto, bellissimo e giovanissimo (è stato piantato tra  il 2009 e il 2010), è tutto sangiovese e si estende per circa 3,5 ha su terreno prettamente galestroso con esposizione nord-est/sud-est. Angela ci dice che questo per lei è un posto magico, unico, ed è per questo motivo che sta pensando di farlo diventare un vero e proprio Cru. Come darle torto.....

Vigneto Cavarchione
Vigneto Cavarchione

Non c'è molto tempo per finire il tour di tutti i vigneti per cui, giusto una mezzora prima di andare a mangiare, Angela ci conduce nella sua cantina che, con una punta di amarezza, ci dice essere ancora provvisoria visto che il progetto per costruirne una nuova, pur essendo pronto da tempo, è "bloccato" dalla solita burocrazia.

Questi spazi ben ordinati sono un pò il mondo di Angela che, da buona enologa, qua dentro passa gran parte del suo tempo aiutando anche altri produttori locali nella vinificazione. 
Visitiamo la sala fermentazione, che avviene tutta in vasche di acciaio, e la zona affinamento che da queste parti fa rima con uso di legno grande e tradizione. 





Proprio da botte, in anteprima, degustiamo il Chianti Classico 2012, fresco e vellutato, il Chianti Classico Istine 2012, dal frutto scuro e profondo, il Chianti Classico Casanova 2012, beverino fin da ora, e la futura Riserva, uscita prevista 2015, che rappresenta un mix delle migliori uve di Istine e Casanova che, se le premesse sono queste, rappresenterà un "best buy" imprescindibile per il Chianti Classico.


Angela Fronti
 

Durante il nostro pranzo a Le Panzanelle (ah, se siete a Radda in Chianti è un indirizzo imprescindibile), tra pici all'aglione, pappa al pomodoro e altre leccornie locali, abbiamo degustato i tre sottostanti vini....


Il Rosato d'Istine 2012, e lo scrivo senza temere smentite, è sicuramente uno dei migliori rosati di Italia per il suo essere poco scontato e per la sua freschezza e bevibilità quasi da birra ghiacciata. Angela ci dice che viene fatto raccogliendo le uve non ancora ben mature di sangiovese e lasciandolo a contatto con le bucce per 10 ore. Fermentazione alcolica lentissima, più di un mese a max 12°. Non fa malolattica e non ha zuccheri residui. Solo 1000 bottiglie andate già tutte esaurite!

Il Chianti Classico Istine 2011 (95% sangiovese e 5% tra colorino e merlot) è polposo e giocato tutto su toni di ciliegia e frutti di bosco con timidi ricordi di corteccia ed erbe aromatiche. Il gusto è in sintonia con l'olfatto, pieno, intenso e fruttato e attraversato da un vivo tannino. E' un vino figlio di un'annata calda che Angela ha interpretato per il meglio.

Il Chianti Classico Istine 2010 (95% sangiovese e 5% merlot), risentito dopo quasi un anno dall'ultimo Sangiovese Purosangue, ha riconfermato quanto di buono avevo scritto in  un precedente post su Percorsi di Vino. Anzi, il vino è decisamente migliorato e oltre alle gradevoli sensazioni di frutta si è arricchito ora di impressioni di terra bagnata, ruggine, pietra calda, liquirizia e tabacco. In bocca mostra la sua ancor giovane età anche se già l'equilibrio è più che mirabile e caratterizzato da tannini fitti e vellutati ben compensati da una possente trama di frutta e sferzante mineralità. Lunga la persistenza. Peccato che anche questo vino sia finito. Angela fanne di piùùùùùùùùùùù!!!!

Chiudiamo la giornata con tanti abbracci e con la consapevolezza che, come canta Luciano Ligabue, le donne lo sanno.....




Posta un commento