Vino? No, grazie, siamo italiani

Interessante articolo, uscito poco tempo fa su Newsweek, che dà evidenza di come in Italia sta cambiando radicalmente il mercato del vino nonostante il nostro Paese, così ben come si evidenzia, sia il maggior produttore con circa 45 milioni di ettolitri di vino prodotti con un consumo pro capite che non raggiunge i 40 litri di vino all'anno.

Nonostante questo, da molti anni, in Italia non si beve più come prima. Come spiegare tutto ciò?

Secondo Jancis Robinson, critica del Financial Times, la riduzione sta avvenendo in tutti i Paesi grandi produttori di vino come Spagna, Italia e  Francia. "Il vino - secondo la wine critic più importante del mondo - viene ormai visto come una persona anziana o come la bevanda del contadino mentre i suoi concorrenti, come birra, liquori e bevande gassate, grazie alla pubblicità hanno un'immagine più giovanile!".


Jancis Robinson - Foto:www.wineinvestment.com 

In Italia, secondo Newsweek, la contrazione dipende da vari problemi, in particolar modo di carattere sociale ed economico.
Nel primo caso bisogna considerare che ultimamente non esiste più il concetto di "classica famiglia italiana" che  si raduna attorno ad un tavolo bevendo mangiando e, al tempo stesso, bevendo la bottiglia di vino. Siamo tutti di corsa e anche i consumi ne risentono.

Ovviamente le maggiori colpe sono attribuite alla crisi economica e alla conseguente disoccupazione del Paese. Il vino, visto ormai come un bene di lusso, viene comprato di meno ed esce dal paniere dei consumi italiani. "Tu non morirai se non bevi vino", ha detto Sergio Esposito, CEO e fondatore di Italian Wine Merchants di New York.

I problemi del vino in Italia non sono solo legati alla nostra economia ma anche ad altri fattori come le normative anti alcol, che hanno portato ad una drastica riduzione del bere nei ristoranti, e la demografia attuale. L'Italia, sostiene la rivista americana, è una paese per vecchi e assieme alla Germania ha la percentuale più alta (20,6%) di cittadini sopra i 65 anni. Più si è vecchi e più ci si ammala e, di conseguenza, il medico allontana il consumatore dalla sua bevanda preferita: il vino.

Secondo Newsweek il consumo del vino in Italia è minato anche dall'esplosione del fenomeno della birra artigianale che fa concorrenza alla più famosa bevanda di Bacco. 
I microbirrifici stanno aprendo di continuo in Italia e, da poche unità di qualche anno fa, oggi si è arrivato a contare circa 450 produttori indipendenti che costituiscono l’1% per cento della produzione nazionale (il che vuol dire 300mila ettolitri) e il 2-3% del valore (secondo Assobirra, siamo sui 60milioni di euro).

Monica Larner, inviata italiana di The Wine Advocate sostiene che:"come residente del centro storico di Roma in questi anni ho visto nascere più pub che wine bar che spesso chiudono per poi riconvertirsi in Irish Pub...".


Monica Larner - Foto: revistaadega.uol.com.br 

Una economia in difficoltà, l'elevata disoccupazione, le normative stradali, i cambiamenti demografici e i nuovi trend in campo alcolico rappresentano tutti fattori che stanno minando la cultura del buon bicchiere di vino in Italia.

In uno scenario così lugubre quale sarà il futuro dei produttori italiani? Newsweek, ovviamente, prende a riferimento il mercato a stelle e strisce ed evidenzia che, per l'Italia, rappresenta uno sbocco fondamentale visto che lo scorso anno i nostri produttori hanno esportato circa 300 milioni di litri di vino negli Stati Uniti, cioè quasi un quarto delle importazioni totali. 
Su 230 milioni di adulti, il 44% beve vino e il 25% (ossia circa 57 milioni di persone) lo consuma regolarmente. Si tratta soprattutto dei cosiddetti “baby boeme” - di età compresa tra i 49 e 67 - e dei “millennial” - tra i 21 e i 36 anni - che rappresentano la fascia in prospettiva più interessante per la continuità di crescita futura.

Quindi, dopo "niente sesso siamo inglesi", si è creato davvero il nuovo stereotipo "niente vino siamo italiani"? Se qualche studioso o produttore volesse intervenire per dire la sua sull'argomento è ben accetto. Nel frattempo, per non sapere nè leggere nè scrivere, mi apro una bottiglia di vino italiano.....


Foto: http://www.lavocedelserchio.it

Posta un commento