Domaine George Roumier - Chambolle-Musigny 2005

Bere George Roumier, mitico Domaine dell'AOC Chambolle-Musigny, significa innamorarsi della Borgogna, soprattutto se testi di persona la grandiosità dei suoi Grand Cru, ovvero il grandioso Bonnes Mares e il maestoso Musigny.
Per chi non vuole accendersi un mutuo per l'acquisto dei suddetti vini il consiglio è quello di virare decisamente verso le "Appellations" minori e, in questo senso, il suo Chambolle-Musigny è da sempre un porto sicuro anche se, volenti e nolenti, per l'acquisto di questo Village bisogna essere pronti a sborsare non meno di 100 euro. Sempre se la trovi...

Clicca sulla mappa per allargarla

Prendi l'annata 2005, ad esempio, una di quelle che farà storia.

Versa il vino nel bicchiere e ascolta i tuoi sensi.

Il naso è la quintessenza del pinot nero di Chambolle-Musigny, faresti l'amore con questi aromi tanto lussuriosi quanto sensuali. La frutta croccante è ai massimi livelli di setosità, la ciliegia che percepisci nel bicchiere è foderata di cachemire, la viola di sottofondo è di struggente avvolgenza. Un turbinio di essenze seducenti quanto la sirene mitologiche descritte da Omero nell'Odissea.
La complessità non è quella del Musigny Gran Cru ma, quello che c'è, basta e avanza per comprendere e per tirare una linea di paragone.


Al sorso il colpo di fulmine diventa indiscutibilmente amore, viscerale e carnale al tempo stesso, pensi di possedere il vino ma è lui a controllarti, soggiogarti, confonderti.
Tutto è misurato al millimetro, pensi al vignaiolo come ad un artigiano che disegna sartorialmente tutte le componenti morbide e dure del vino che disegnano un palato caratterizzato da equilibrio circense e da una progressione quasi subliminale.

Lo Chambolle-Musigny di Roumier è così signori, un vino di assoluta squisitezza e grazia, un vino acqua e sapone puro come il desiderio che soddisfa in maniera effimera quanto inesorabile i nostri bisogni edonistici.

Troppi 100 euro per un vino così?
Posta un commento