Parlare di Chateau Lafite falso in Cina è come sparare sulla Croce Rossa?


Sembra che a volte i giornalisti scoprano l'acqua calda oppure sarà il Ferragosto che richiama notizie banali buone solo per l'ombrellone. Sta di fatto che giorni fa su molti siti internet è rimbalzata la notizia che in giro ci sono molte bottiglie false di Chateau Lafite. Dopo aver copiato di tutto di più, i cari cinesi, sì sempre loro, hanno scoperto il nuovo eden della truffa: il vino bordolese. 
Sappiamo ormai che i grandi vini francesi hanno mercato quasi esclusivamente in Asia dove, si dice, circoli più Lafite di quando se ne produca all'interno della casa madre.
L'allarme è stato lanciato molto tempo fa da Simon Tam, fondatore del Centro Indipendente del Vino basato a Hong Kong (http://www.iwinecentre.com/), che ha parlato di un mercato di bottiglie vuote di  Château Lafite del 1982 proposte a 10.000 dollari hongkonghesi (936 euro) cadauna.
Le bottiglie non sono usate come portavasi ma, ovviamente, pare che vengano riempite con vino ordinario e rivendute sul mercato al prezzo di 40.000 dollari hongkonghesi (3.700 euro), meno della metà del prezzo ufficiale del millesimo in questione.
Un commerciante di vini contattato dal Relaxnews ha confermato queste affermazioni sostenendo che ormai "quando vengono organizzate degustazioni di ottimi vini in Cina continentale, si può notare che le bottiglie vengono immediatamente distrutte dopo la degustazioneaffinché non si possano riutilizzare, o si fanno firmare le etichette dal rappresentante della tenuta viticola come souvenir". 

Per evitare sorprese questo video fornisce qualche utile consiglio:



La fregatura, nonostante tutto, è sempre in agguato quindi prudenza e occhio all'etichetta...vabbè questa è proprio da querela......


Posta un commento