James Suckling e la nuova Romanée-Conti siciliana


Qualche giorno fa su Twitter il signor James “Giacomino” Suckling ha scritto la seguente frase:


Le “soffiate” indicano Cornelissen come il possibile destinatario delle mire espansionistiche dell’ex collaboratore di Robert Parker. C’è chi parla invece di Franchetti come nuovo re della Borgogna siciliana.
Io sono un po’ allarmato da tutto questo perché non vorrei che Suckling produca “danni” anche in Sicilia, una terra enologicamente parlando ancora abbastanza pura e lontano da certa mondanità toscana. I prezzi poi, mediamente, sono ancora umani per cui l’americanizzazione del nerello abbinata a una certa spocchia borgognona potrebbe creare disastri anche per noi consumatori.

La corsa all’oro siculo è iniziata?
Posta un commento