Bibenda Day 2009 - Luci ed ombre

Girovagando in rete ho trovato sul sito di Bibenda la lista dei vini che saranno presenti sabato 14 marzo al Rome Cavalieri per una nuova "puntata" dell'evento dell'anno targato AIS Roma - Bibenda. Ecco la lista:

Bollicine:
Champagne Brut L. d’Harbonville 1996
Ployez-Jacquemart
Champagne Brut Fuste Rosé Clos des Goisses 2000 - Philipponnat
Champagne Grand Cru Blanc de Noirs Brut Contraste - Selosse
Franciacorta Brut Sigillo Teatro alla Scala 2000 - Bellavista
Trento Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 1993 – Ferrari

Bianchi Italiani e Stranieri:
Vallée d’Aoste Chardonnay Frissonnière Cuvée Bois 2002 – Les Crêtes
Trebbiano d’Abruzzo 1996 – Valentini
Gavi dei Gavi 1989 – La Scolca
Riesling Auslese Wehlener Sonnenuhr 1994 – Joh. Jos. Prüm
Montrachet Grand Cru 2004 – Domaine Bouchard Père & Fils
Ermitage Blanc Ex-Voto 2005 - Guigal

Vini Rossi Italiani:
Barbaresco Asili Riserva 1996 – Bruno Giocosa
Regaleali Cabernet Sauvignon 1988 – Tasca d’Almerita
Chianti Classico Riserva 1971 – Castell’in Villa
Langhe Nebbiolo Sperss 1988 – Gaja
Torgiano Rosso Rubesco Riserva Vigna Monticchio 1977 - Lungarotti

Vini Rossi Stranieri:
Château La Mission Haut-Brion 2001 - Château La Mission Haut-Brion
Ribera del Duero “Unico” 1987 - Bodegas Vega Sicilia
Beaune 1959 – Leroy
Château Angélus 2005 - Château Angélus
Chateauneuf-du-Pape Hommage a Jacques Perrin 2004 - Château de Beaucastel
Vini Dolci:
Vin de Costance 2001 – Klein Constantia
Acininobili 1993 – Maculan
Riesling Beerenauslese Erdener Treppchen 2006 – Dr. Loosen

Butto giù qualche riflessione:

  • fortunatamente all'AIS hanno capito che fare un pre-evento il giorno prima facendo cantare Mimmo Locasciulli e Büne Huber, leader e vocalist dei Patent Ochsner, famosissima (??) rockband bernese, equivale ad un karakiri al quale nemmeno il Barbaresco 2004 ha potuto rimediare;
  • aumenta sempre di più il costo dell'evento e le bottiglie diventano sempre di meno. L'altr'anno si pagavano 150 euro per 25 etichette (sempre divise tra bottiglie di grande qualità e rarità ad altre meno blasonate), oggi se ne devon pagare 180 per 24. E sapete nel 2005 quanto si pagava? Ben 100 euro (!!!) per 31 etichette. Capisco l'inflazione galoppante ma in tempi come questi sarebbe meglio non esagerare. Qualcuno mi dirà che la qualità dei vini è diversa, sta migliorando col tempo, ma dobbiamo tener presente che se si vuole fare cultura del vino non bisogna creare eventi più "popolari" e meno elitari;
  • bella la lista dei vini rossi, con la chicca del Beaune 1959 di Leroy di grande interesse. Peccato per i vini dolci la cui lista e importanza col passare del tempo sta perdendo di qualità. Belli i tempi in cui trovavamo l'Yquem!
Posta un commento