Alla scoperta della Maison Trimbach

Lunedì 5 gennaio a Ribeauvillè è una di quelle giornate dove staresti volentieri a letto con una tazza di tè caldo: nevica copiosamente e fa un freddo della malora ma, nonostante tutto, ci facciamo coraggio e andiamo al nostro appuntamento.
Anne Trimbach ci aspetta puntuale davanti alla porta del bellissimo Domaine, ed è la prima produttrice che ci fa fare un giro della cantina di vinificazione: vasche di acciaio e grandi botti di affinamento, tra cui una datata 1700, sono sparse un po’ dappertutto all’interno di un vasto locale sotterraneo dove, a discapito delle milioni di bottiglie prodotte, sembra tutto un po’ artigianale.
Nonostante sia una delle aziende più grandi e importanti di Alsazia (e forse della Francia), Maison Trimbach mantiene ancora un carattere familiare la cui tradizione parte dal 1626 quando Jean Trimbach cominciò a produrre vino da vigne, e che vigne, di sua proprietà. La fama internazionale giunge nel 1898 quando Frédéric Emilie Trimbach presentò alla fiera internazionale di Bruxelles i suoi vini riscuotendo un enorme successo. Da quel momento in poi il nome Trimbach è diventato famoso in tutto il mondo.
Anne ci fa accomodare nella bella sala degustazioni e ci porta il prim
o vino, un Pinot Blanc 2006, una base dai bei toni fruttati e di fiori bianchi con un pizzico di minerale. Buona la corrispondenza al naso, media la persistenza gustativa e una chiusura leggermente ammandorlata. Ottimo come aperitivo. Col prossimo vino Anne ci introduce al mondo dei Riesling targati Trimbach: il 2007 base è un vino dai delicati profumi di frutta gialla e fiori e ha nella grande vena acida il suo carattere qualitativo principale. Bella la persistenza finale.
Con il Riesling "Cuvée Frédéric Emile" 2004 entriamo in una dimensione qualitativa diversa, qua siamo di fronte ad un gran vino da vigne di oltre 40 anni di età ancorate su un suolo marno-calcareo.
Al naso le eleganti nuance minerali con cui si apre il vino sono pure espressioni di terroir, poi toni di bergamotto e fiori freschi chiudono il quadro aromatico. Bocca di grande consistenza ed equilibrio per un vino dalla grande persistenza gustativa. Da aspettare per anni prima che si esprima al massimo.
Arriva il primo Pinot Gris della giornata, un 2005 “Reserve” che ci inebria con i suoi intensi profumi di miele di acacia e macedonia di frutta esotica. Vino di grande struttura perfettamente bilanciato da una acidità vibrante. Anne ci confida che il 2005 per il Pinot Grigio è stata la migliore annata del secolo.
Passiamo ad un altro Vin De “Riserve Personelle” con il Gewurtraminer 2001 “Cuvée des Seigneurs de Ribeaupierre”, un vino prodotto solo quando la famiglia Trimbach pensa che l’annata abbia prodotto grandi uve da vinificare. La qualità, infatti, si nota subito al naso che viene accarezzato da intense ed eleganti note di sottobosco, fungo porcino, frutta secca, miele di castagno con un leggero fumè finale. In bocca l’attacco è subito dolce, fresco, ma subito l’acidità e la grande struttura del vino riequilibrano il tutto e permettono al vino di espandersi completamente al palato. Grande persistenza e finale su ritorni di frutta secca e miele.
E l’ora dei vini da vendemmia tardiva e Anne ci porta il Riesling 2002 VT: splendido il bouquet aromatico fatto di uva passa, frutta secca, zucchero caramellato e croccante alle mandorle. Profumi sì dolci ma non stucchevoli. In bocca è denso, avvolgente, di corpo ma al contempo ben equilibrato. Da godere immensamente ora o lasciarlo invecchiare (e migliorare) per altri 20 anni.
Il vino successivo è un Pinot Gris 1997 VT, caratterizzato da un olfatt
o predominato da intensissime note di miele, frutta secca e agrumi canditi. Davvero un’emozione mettere il naso nel bicchiere. Alla gustativa è cremoso, intenso e persistente e chiude lunghissimo con un ottima rispondenza al naso.
Terminiamo la nostra degustazione con un Gewurtraminer 2001 Selection De Grains Nobles: colore dorato intenso per un vino dalla grande complessità olfattiva: albicocca disidratata, fico secco, mallo di noce, miele di castagno, frutta candita e una leggera nota di iodio tipica dei vini “botrizzati” fanno da quadro aromatico ad un vino che è velluto al palato, una eleganza che si esprime anche grazie ad una intensità ed a una persistenza da fuori classe. Da tenere stretto in cantina e donare ai nostri nipoti.
Ringrazio Anne Trimbach per la sua gentilezza e disponibilità, non era facile ospitarci in un giorno dove tutto era innevato ed arrivare a destinazione era un’impresa. A presto!
Posta un commento