Alsazia - Visita al Domaine Burn: il giro dei sensi in 14 vini

Arrivare nel piccolo paese di Gueberschwihr non è certo semplice soprattutto quando in Alsazia c’è la neve e il gelo e il mio navigatore satellitare ha la luna storta.
Francis Burn, figlio di Ernest, ci aspetta puntuale il quattro gennaio alle 14, prima domenica del 2009, un giorno altamente festivo da queste parti visto che nel paesino non si vede anima viva.
La storia di del Domaine inizia nel 1934 quando Ernest Burn, i cui antenati avevano prodotto vino per oltre 300 anni, recuperò la storica vigna del “Clos St Imer” (santo patrono di Gueberschwihr) ormai devastata dalle guerre e dalla fillossera. Non curante delle risa dei suoi colleghi, Monsier Burn acquistò col tempo parcella dopo parcella e, con l’aiuto della sua famiglia, risollevò le mura di cinta, ricostruì le strade di accesso e reimpiantò tutti i vigneti.
In generale Domaine Burn possiede circa dieci ettari di vigneto all’interno del territorio di Gueberschwihr. Dei sette ettari che fanno parte del celebre
Grand Cru Goldert, cinque sono posseduti dall’azienda all’interno del “Clos St Imer” la cui pendenza sfiora anche il 60% e il cui sottosuolo è in gran parte formato da calcare. Molto suggestiva, in tale ambito, è la piccola cappella che la famiglia Burn ha costruito in cima al clos il cui nome, “La Chappelle”, è ben impresso sui migliori vini del Domaine che sono costituiti da uve Gewurztraminer, i Musca d’Alsace, Pinot Grigio e Riesling.
La nostra degustazione in cantina è durata quasi un’ora e mezza visto che il gentilissimo Francis Burn ci ha fatto bere la bellezza di ben quattordici vini. Iniziamo la carrellata con un più che discreto Sylvaner 2004 AOC Alsace, un vino dai bei profumi floreali e fruttati che alla gustativa non tradisce con una ottima corrispondenza al naso. Uno dei Vini “base” dell’azienda che comprerei a bancali visto l’ottimo prezzo (circa 6.50 euro). Si prosegue con il Riesling 2005 AOC Alsace, caratterizzato da un naso di frutta tropicale e di albicocca e che alla gustativa stupisce per una ottima persistenza finale su ricordi di macedonia. Il terzo vino “base” che ci offre Francis è rappresentato dal Pinot Blanc 2004 AOC Alsace, dalla bella complessità aromatica dove si rincorrono le note di fiori bianchi e un sottile minerale. Bella l’acidità di questo vino che forse manca un po’ in lunghezza. Si va avanti con il Pinot Gris 2004 AOC Alsace al quale una leggera surmaturazione delle uve dona profumi di frutta esotica, mela cotogna e miele. Vino estremamente bilanciato in bocca e di media lunghezza.
Arriva il momento del Pinot Gris Vieille Vignes 2005 AOC Alsace. Da vigne di più di cinquanta anni di età, questo vino si presenta con un bel colore giallo dorato intenso ed un naso che esprime bellissime sensazioni di spezie orientali, frutta esotica, fiori gialli ed un accenno di mineraltà. Da brivido.
Passiamo ora ai Grand Cru del Domaine Burn andando a degustare il Riesling "La Chapelle" 2004 Grand Cru Goldert, un vino dalla forte nota minerale (idrocarburo) e fruttata. In bocca è ampio, equilibrato, fresco. Grande persistenza finale.
Il Muscat "La Chapelle" 2005 Grand Cru Goldert è una bella novità per me non avendo bevuto moscati non italiani. Grande è stata la sorpresa di trovarmi davanti ad un ottimo vino, dall’ottima aromaticità e dalla splendida complessità caratterizzata da fiori bianchi (biancospino), pesca gialla, agrumi e una leggera mineralità. In bocca lo zucchero residuo è decisamente bilanciato dalla grande vena acida del moscato. Ottimo sul loro panettone.
Il Pinot Gris "La Chapelle" 2004 Grand Cru Goldert ha profumi intensi che ricordano la frutta gialla caramellata, l'albicocca, la scorza di arancia e il miele di acacia. Bocca densa ed avvolgente per un vino estremamente equilibrato e persistente.

Francis Burn esce dalla sua cantina personale portandoci un piccolo gioiellino: il Gewurztraminer "La Chapelle" 2005 Grand Cru Goldert. Naso molto intenso dove spiccano elenganti naso sentori fiori gialli, spezie orientali e un bel tocco di frutta esotica, tra il fresco e l'appena maturo, e agrumi. Uno spettro aromatico coinvolgente come lo è il vino in bocca, concentratissimo e puro allo stesso tempo, con un'ottima corrispondenza al naso. La persistenza? Davvero infinita credetemi.

Per non farci mancare nulla Monsieur Burn ci fa degustare anche il 2004 che rispetto al precedente mantiene tutte le promesse con una vena di freschezza più accentuata. Forse meno persistente ma stiamo veramente spaccando il capello.
Proseguiamo con un vino premiato al primo posto al concorso "Pinot Gris du Monde" 2008: Pinot Gris "La Chapelle" 2005 Grand Cru Goldert. Mettendo il naso nel bicchiere sembra di essere catapultati a in Oriente: intensi gli odori di curry, zenzero, frutto della passione, litchi, mango e un piccola pennellata di fiori di ginestra. In bocca è ampio ed avvolgente con un grande equilibrio dovuto alla grande acidità che ben bilanca i quattordici gradi alcolici che non si percepiscono assolutamente. Chiude lunghissimo su note di frutta matura.
Aumentiamo ora il residuo zuccherino del vino degustando un Gewurztraminer VT "La Chapelle" 2003 Grand Cru Goldert, vino dall'ampio spettro olfattivo dove giocano profumi di miele di castagno, fico secco, dattero, frutta esotica stramatura e garrigue. Bocca morbida e soave per un vino ricco, equilibrato e di grande freschezza e persistenza.
Non poteva mancare il Pinot Gris VT "La Chapelle" 2002 Grand Cru Goldert: rispetto al precedente vino cambia compledamento il quadro aromatico: fungo porcino, sottobosco, tartufo, zafferano, miele e frutta secca sono le sensazioni che avvolgono i nostri recettori olfattivi. Stesso equilibrio e freschezza del precedente Gewurztraminer. Ottimo.
Terminiano questa lunga ma interessante degustazione con il Pinot Gris Selection de Grains Nobles Clos Saint Imer 2000: accattivamente nei suoi profumi di frutta esotica candita, miele di tiglio, mallo di noce oltre che dalla inconfondibile nota iodata fornita dalla muffa nobile. Nonostante l'elevato residuo zuccherino è un vino che si mantiene di grandissimo equilibrio grazie alla vena acida che bilancia l'estrema morbidezza del vino che a mio parere raggiungerà la piena maturità tra venti anni o più.
Concludendo vorrei ringraziare Francis Burn per l'estrema cordialità avuta nei nostri confronti e soprattutto per la ampia gamma di vini di elevata qualità ad un prezzo a dir poco conveniente. Peccato non abbia importatori in Italia...

Posta un commento