Luca Zaia, un cyber ministro alla corte dei blogger

Grande interesse e curiosità ha destato qualche giorno fa l'avvento mediatico del Ministro Luca Zaia all'interno di alcuni social network enogastronomici come ad esempio Vinix (http://www.vinix.it/myDocDetail.php?ID=2112). A ben vedere non è che il "nostro" onorevole abbia detto qualcosa di interessante, anzi ha fatto un semplice rimando al suo blog istituzionale senza aggiungere altro se non che ci aspetta numerosi. Eh no caro Ministro, non mi dica che lei va in giro per internet a fare solo pubblicità (o spam?) al suo sito?
La risposta che mi sono dato è più che mai affermativa visto che ad oggi non ci sono altri suoi commenti. Le uniche persone in fermento all'interno del suo post sono gli esperti del settore e i semplici appassionati che sperano che il tentativo di comunicazione del "nostro" onorevole blogger non rimanga un semplice gesto incompiuto ma un vero e proprio inizio di interazione tra utenti accomunati dal medesimo interesse. Se solo trovasse un pò di tempo per leggere alcuni argomenti dibattuti sui principali forum di carattere enogastronomico, sono certo che avrebbe tantissimi spunti su cui lavorare non solo lui ma tutto il Governo.
Incuriosito da tutta la questione vado comunque a visitare il blog del ministro rimanendo, purtroppo, alquanto deluso. Motivo? A parte le tante foto di carattere autoreferenziale (demenziale per me quella dove regge in mano due grappoli di uva), trovo i contenuti del sito molto scarsi dal punto di vista della quantità e della qualità dei contenuti. Da settembre 2008 sono solo cinque gli argomenti trattati e, per quel poco, anche trattati male. Che senso ha porre in un blog istituzionale una domanda del tipo:"Come selezionate i ristoranti per le vostre cene e pranzi? e vi siete mai recati a ristoranti cinesi o di altre origini etniche?" Ministrooooooooooooooooo siamo noi che facciamo le domande e aspettiamo le risposte!! Non sono mai andato in un ristorante cinese a mangiare code di pescecane alla soia, però vorrei tanto sapere come lei e il governo che rappresenta state cercando di aiutare i vignaioli di Italia oppure quali interventi si stanno ponendo in essere per ridurre il prezzo dei beni agricoli che soffrono di una filiera inefficiente.

Caro Ministro Zaia, se proprio deve scendere in piazza, lo faccia veramente discutendo e confrontandosi realmente con noi che siamo stufi dell'ennesima foto che promette e non mantiene, soprattutto se l'immagine ha come sfondo un filare e un bel bicchiere di vino. Grazie.
Posta un commento