Giovanna Morganti e il Chianti Classico "Le Trame"

Avere a cena Giovanna Morganti non è cosa da tutti i giorni, difficile farla allontanare da Castelnuovo Berardenga, la sua Terra, il suo piccolo grande mondo.
Soprattutto è molto difficile, e per questo ringrazio i TDC, Giampiero Pulcini in primis, avere contemporaneamente a tavola sia lei che la verticale storica di Le Trame, il suo Chianti Classico.
Giovanna, così come abbondantemente scritto da altri, è una donna straordinaria e nonostante la sua timidezza l'abbiamo "costretta" a parlare di lei e di Podere Le Boncie, la sua azienda, probabilmente la sua vita. Pochi minuti di video dove c'è tutta la personalità di questa vignaiola toscana.


Giovanna ci hanno portato ben 11 millesimi del Chianti Classico "Le Trame" la cui prima annata, mitica, risale al 1990. Solo la 1991 è stata saltata.
Il vino, composto da un sapiente mix di sangiovese, colorino, mammolo e foglia tonda, viene fermentato con lieviti indigeni in botti aperte di rovere di Allier da 500 e 700 litri per circa 15/20 giorni (non esiste ricetta specifica) per poi affinare circa due anni in vecchie botti di legno di diversa capacità. Produzione media: 20.000 bottiglie all'anno.

Iniziamo la degustazione con queste parole:"Il Chianti di Giovanna è ormonale, mentale, è un vino con il quale devi entrare in empatia, o si instaura tra di voi un feeling emozionale oppure sarà un prodotto che quasi odierai....".

Giovanna Morganti. Foto: gustodivino.it

Podere Le Boncie - Chianti Classico Le Trame 1999: il vigneto ad alberello, piantato nel 1996, ancora non era entrato in produzione per cui Giovanna fa nascere questo vino da mezzo ettaro di Poggio Rosso (vino dell'azienda agricola San Felice di cui Enzo Morganti, suo padre, era stato direttore) più altre vigne in affitto. Al naso ha tutto del grande Chianti d'antan, si odono trame olfattive di viola macerata, torrefazione, frutta rossa secca, iodio, erbe aromatiche. Al sorso è un cavallo chiantigiano di razza, fresco, dritto e dall'equilibrio sopraffino. Commovente per integrità e personalità.

Foto: Andrea Federici

Podere Le Boncie - Chianti Classico Le Trame 2001: la seconda annata del vigneto ad alberello ci mostra un vino austero e composto, dall'anima terrosa, un perfetto quadro bucolico dove si snodano sensazioni di radici, erbe di campo, humus, fiori e frutta rossa di rovo. In bocca è sapido, ponderato, la frequenza gustativa è giocata su toni bassi ma decisi. Lunga la chiusura.

Podere Le Boncie - Chianti Classico Le Trame 2002: vino molto delicato e dal tratto sapido che denuncia il millesimo difficile solo alla gustativa dove non ritrovo il solito equilibrio. Ciò non pregiudica una beva assassina del vino che è da bere oggi o mai più!

Podere Le Boncie - Chianti Classico Le Trame 2003: l'annata non certo fresca regala un Chianti diverso dai precedenti per calore, rotondità e nota alcolica che, sopratutto in bocca, non è perfettamente supportata dalle altre componenti strutturali. Come per la 2002, queste divagazioni climatiche non infieriscono mortalmente sul vino che vicino ad una bella tagliata di manzo fa la sua sporca figura.

Podere Le Boncie - Chianti Classico Le Trame 2004: il Chianti di Giovanna in questa annata mette le ali e spicca il volo. Etereo, femminile, mettendo il naso nel bicchiere sembra di entrare in un campo di fiori rossi che solo col tempo lasciano spazio alla ciliegia croccante e alla gradevole balsamicità. Bocca suadente, misurata, di invidiabile equilibrio e dotata di un tannino fine e levigato. Lunga scia sapida in chiusura. Bono!!!

Podere Le Boncie - Chianti Classico Le Trame 2005: rispetto al precedente soffre un pò la maggiore evoluzione. Le note olfattive, infatti, sono più scure della 2004 con sensazioni minerali e di terra a farla da padrone. Al sorso rimane comunque gradevole soprattutto grazie alla vena minerale che diventa via via più evidente e va a fondersi con le note acido/sapide del vino.

Podere Le Boncie - Chianti Classico Le Trame 2006: questo Chianti sembra nascere con un'anima dal carattere vegetale in quanto si odono scie odorose dove le erbe aromatiche sono ben evidenti. A queste, col tempo, si aggiungono note fumè e sfumature di frutta nera di rovo. Bocca di buona struttura che fornisce rotondità al sorso caratterizzato da un tannino deciso che sostiene il finale fruttato e corroborante.

Foto: www.wineanorak.com

Podere Le Boncie - Chianti Classico Le Trame 2007: parte con un naso ritroso e finisce...con un naso ritroso che non esprime molto se non un tono foxy che, per molti, caratterizza i Chianti di Giovanna Morganti. Mah. Anche al sorso non convince al 100%, la freschezza e la gioventù del vino sono un pò minate da un centro bocca che sembra non avere la spinta per caratterizzare una adeguata persistenza gustativa. Da risentire.

Podere Le Boncie - Chianti Classico Le Trame 2008: tanta gioventù al naso dove i profumi intensi di viola mammola, more, ribes rosso e ciliegia sono caldi ed intensi. Al sorso appare un adolescente che ha trovato già la sua maturità, ha tannini ampi, decisi e fusi a persistenti note fruttate. Chiude sapido. Buona le beva.

Foto: www.vinoir.com 
Podere Le Boncie - Chianti Classico Le Trame 2009: rispetto al precedente l'irruenza giovanile è corroborata una spinta alcolica che mette la frutta sotto spirito e rende la beva più difficoltosa visto che l'equilibrio, questa volta, è ancora in divenire. Da aspettare (?).

Podere Le Boncie - Chianti Classico Le Trame 2010: avete presente un grande Chianti Classico rigoglioso, espressivo, vitale, euforico e generoso? Ecco, avete davanti Le Trame 2010. Grande futuro!

Postilla finale: sono entrato in sintonia con Giovanna e il suo Chianti. Finalmente, direbbe qualcuno!
Posta un commento