Cascina Cucco, terroir di Serralunga d'Alba

Cascina Cucco, azienda di Serralunga d'Alba appartenente ai fratelli Stroppiana, si è presentata poco tempo fa a Roma e, zitto zitto, Percorsi di Vino è andato a curiosare anche perchè, lo ammetto, non conoscevo molto questa realtà langarola. 
I vigneti, per un totale di circa 12 ettari, si estendono tra Serralunga (Cucco è uno dei Cru del territorio), Vughera (vicino al Cru Cerratti) e nel comune di Roddi d'Alba e sono piantati a nebbiolo, barbera, dolcetto, merlot, cabernet sauvignon e chardonnay.


L'entrata dell'azienda
In cantina, seguiti dall'enologo Giuseppe Caviola, si punta molto sulla tradizione anche se non manca un pizzico di modernità grazie ad un prudente uso di "legno piccolo".

La cantina

Guidati dal direttore commerciale Marco Taricco abbiamo degustato:

Cascina Cucco - Spumante Metodo Classico Brut (100% chardonnay): questo spumante, che rimane a contatto con i lieviti per almeno due anni prima di essere sboccato, si caratterizza per abbraccio minerale, sapidità e pura piacevolezza. Un aperitivo un pò diverso visto che questo è "made in Langa"!



Cascina Cucco - Langhe Cherdonnay 2012 (100% chardonnay): uno chardonnay piantato su un terreno da Barolo non può che essere di grande struttura e avvolgenza. Anima sapida e di frutta gialla matura senza cadere in sensazioni tropicali o scontate. L'acidità accompagna bene la beva. A Cascina Cucco ci credono in questo bianco e fanno bene. 3/4 mesi di affinamento in fusti piccoli.



Cascina Cucco - Dolcetto d'Alba 2102 (100% dolcetto): dolcetto veramente ben fatto, motli tipico, intenso, ottima espressione di frutta rossa, fiori e tocchi balsamici. Bocca suadente, di grande equilibrio, succoso, ha una beva davvero dirompente e a me piace davvero tanto. Prendete nota!!



Cascina Cucco - Barbera d'Alba 2012 (100% barbera): anche questo vino è molto tipico, è fragrante e vinoso, impregnato di tanta frutta rossa, netta, anche con fragranze rosa. Al sorso è fresco, vigoroso, di grande tensione. Buona le persistenza fruttata, polposa. Abbinato a tavola è un successo garantito.



Cascina Cucco - Barbera d'Alba Superiore 2011 (100% barbera): più profondo del precedente, si notano aromi di frutta nera, timo, erbe, soffi balsamici. In bocca è complesso, intenso, forse meno immediato del base del quale ho ammirato la "popolarità". Ancora nervoso dovrà affinarsi ancora per dare il meglio di sè. Affina per dodici mesi in piccoli fusti di rovere, parte nuovi, parte di secondo passaggio. 



Cascina Cucco - Barolo del Comune di Serralunga 2009 (100% nebbiolo): prodotto con uve provenienti dalla zona di Vughera in Serralunga d'Alba, è un Barolo "base" che gioca tutte le sue carte sulle espressioni giovanili del nebbiolo e sulla bevibilità che non è influenzata da troppi spigoli. Ha un buon rapporto q/p e può essere un primo approccio verso questa tipologia di vini.Matura per 24 mesi in botti tradizionali da 25 ettolitri per poi sostare 9-12 mesi in bottiglia prima di essere posto in commercio.



Cascina Cucco - Barolo Cerrati "Vigna Cucco" 2008 (100% nebbiolo): profondo, una perfetta miscela tra sentori di viola, menta, liquirizia, ciliegia matura, lampone. Struttura decisa, di personalità anche se ancora un pò troppo rigida. Tannini compatti ma di buona sartoria. Il tempo gli darà ragione. Affinamento in piccoli fusti di rovere francese dove sosta per 14 mesi, per proseguire poi, in botti tradizionali per altri 9-10 mesi. Segue l’imbottigliamento ed una maturazione di un anno in bottiglia prima di essere immesso in commercio.



Cascina Cucco - Barolo Cerrati "Vigna Cucco" Riserva 2007 (100% nebbiolo): è tutta un'altra storia con questo Barolo che, complice un maggior affinamento, fa emergere tutto il grande terroir di Serralunga d'Alba. Perfettamente integro e con sentori di frutti di bosco croccanti, ciliegia, rosa appassita, anice, menta, liquirizia, erbe selvatiche, rosmarino, lauro. Bocca in perfetto assetto, ricca di tannini maturi, sapidità e sferzante freschezza. Per chi ama il Nebbiolo e per chi deve farsene una ragione. Affinamento in botti tradizionali di rovere francese per 36 mesi. Segue l'imbottigliamento ed una maturazione di un anno in bottiglia prima di essere immesso in commercio. 



E ora....foto di gruppo con panorama mangereccio!!!



Posta un commento