Non sa di tappo!


Si chiama Brentapach, l'azienda di Borgo Valsugana, che sfrutta un brevetto innovativo per la decontaminazione dei tappi di sughero da vino. Accolta nel Bic (Business innovation centre) con un accordo negoziale firmato nella sede dell'assessorato all'Industria del Trentino, e' una piccola impresa che produce contenitori, chiusure e imballaggi per il settore alimentare e non alimentare e che dal brevetto sviluppera' nei prossimi due anni un progetto di ricerca applicata che puo' incidere sulle perdite che le cantine vinicole subiscono a causa della contaminazione del vino in bottiglia da parte del tricloroanisolo contenuto nel sughero e responsabile del 'gusto di tappo'.

Fonte:http://blog.netafim.it

A firmare l'accordo di oggi sono stati l'assessore all'industria, artigianato e commercio, Alessandro Olivi, le organizzazioni sindacali e Gianni Tagliapietra, il giovane imprenditore contitolare della Brentapack. Il mantenimento dell'azienda in loco fino al 2024, per i dieci anni successivi alla conclusione del progetto di ricerca, il versamento in Trentino delle imposte, il mantenimento di una patrimonializzazione pari al 30% del bilancio 2015 e l'utilizzo dei risultati di ricerca in Trentino, sono gli impegni siglati nell'accordo. Sul piano occupazionale l'azienda di Borgo Valsugana occupera' inizialmente 6 dipendenti, ma non e' esclusa la possibilita' di un ulteriore incremento negli anni successivi. 

Fonte: Ansa
Posta un commento