La scissione dei produttori naturali. Alla fine vincerà il vino?


Molti lo hanno chiamato il Terzo Polo dei vini naturali, sta di fatto che in questi giorni la notizia bomba è che i produttori aderenti a Renaissance Italia lasceranno Cerea e il Consorzio Vini Veri ed entreranno fieri al prossimo Vinitaly 2012.


Molti, in passato, avevano criticato le manifestazioni sul vino naturale concomitanti al Vinitaly auspicando che tutti i vignaioli, convenzionali o meno, fossero riuniti sotto l'unico capannone di Verona Fiere perchè, a prescindere dalle filosofie di vita, sempre di vino stavamo parlando.

Non so come interpretare la mossa di Renaissance Italia perchè se da una parte l'azione potrebbe dare una spinta decisiva a tutto il movimento superando muri fatti di inerzia e ripicche varie, dall'altra si potrebbero creare danni di immagine (il vino naturale non è tutto uguale?) e nuove fratture che potrebbero diventare insanabili.

Molto eloquente è la risposta di Francesco De Franco di A' Vita al post di Marco Arturi sul tema: 

Non molto tempo fa, mi sono affacciato nel mondo del vino naturale. Era il novembre del 2009 a “Parlano i Vignaioli”. Sistemavo le mie prime le bottiglie sul banchetto e sudavo dall’emozione.
Ho trovato un ambiente bellissimo, ho conosciuto donne e uomini con cui ho sentito immediatamente una forte empatia. L’esperienza positiva si è ripetuta il marzo successivo ad Agazzano.
Poi è arrivato Aprile e Verona. E qualcuno mi chiese: “con chi stai? con il gruppo ViniVeri o con Maule?”
Sembrava ci fosse una logica di esclusione “o di qua o di la” che rendeva impossibile la coesistenza.
Secondo me una domanda insensata che non rispecchiava la realtà. Sapevo dell’esistenza delle due manifestazioni e non avevo mai percepito una frattura netta tra i vignaioli partecipanti.
Infatti con diversi vignaioli più volte si è parlato di trovare il modo di fare un’unica manifestazone scegliendo magari una terza sede, neutra. Un’ipotesi questa che mi vedeva favorevole.
Purtroppo la scelta di andare al Vinitaly va in tutt’altra direzione e, nonostante le dichiarazioni contenute nella comunicazione ricevuta in cui si auspica un superamento delle divisioni e “un terreno neutro dove ognuno possa presentarsi a raccontare la propria storia ed i propri vini” prevale è una logica dell’esclusione e di conseguenza dell’ulteriore divisione.
Altro che “uniti dalla stessa visione di coltivare uva e fare vino”
Al di là della mia personale convinzione che il Vinitaly non è il posto giusto per comunicare il vino naturale, è sufficiente considerare alcuni numeri per capire che quanto affermato dal comitato organizzatore non è nella pratica realizzabile.
Facciamo un po’ di conti:
* I posti disponibili al Vinitaly sono 111
* I partecipanti italiani alle ultime due manifestazioni (VinoVinoVino e Vinatur) sono 215
* Gli aderenti a Reinassance partecipanti a Vino Vino Vino sono 24 (questi al Vinitaly hanno i posti assicurati perchè promotori)
Restano liberi 87 posti per 191 produttori, senza considerare eventuali nuove aziende
Chi entra? Chi resta fuori?
Restano fuori sicuramente alcune aziende molto piccole che vivono solo con la produzione del vino e per le quali il costo è elevato,
Restano fuori sicuramente i “noccioli duri” delle due manifestazioni.
E gli altri? Se vorranno aderire saranno costretti “a diventare quasi concorrenti l’uno con l’altro, scatenando una guerra fra poveri, come se ci fosse da spartire chissà quale torta. Tutto questo non funziona”
E allora, quale sarà il criterio di scelta?
Proprio perchè vorrei ci fosse una reale l’opportunità per tutti a partecipare non aderisco a questa iniziativa, pur rispettando la scelta di chi lo farà.
Inoltre, proprio perchè si va con un’identità frammentata e quindi debole penso che il movimento dei vini naturali possa essere fagocitato dalla macchina Vinitaly.
Secondo me serve un atto di coraggio che rivendichi in modo forte la propria identità.
Questa la mia proposta per il prossimo anno:
A Dicembre a Piacenza si terrà il primo salone della FIVI. Allora perchè non unire le forze con la FIVI, a cui peraltro molti di noi sono già iscritti, e preparare una fiera lontana dal periodo Vinitaly in un luogo che:
1) Possa contenere tutti
2) Sia logisticamente più comodo rispetto a Verona (Milano o Roma)
3) Abbia dei costi più contenuti
4) Ci permetta di affermare con forza l’identità naturale, fuori dal circo Vinitaly
Secondo me sarebbe un’opportunità per tutti e anche per la FIVI. 

A breve si attendono sviluppi e ulteriori litigi.....
Posta un commento