Investire sul vino? Arriva Noble Crus, il primo fondo sul vino

La diversificazione è uno dei primi obiettivi di ogni investitore, tuttavia il processo di globalizzazione ha portato ad una crescente correlazione tra i diversi mercati internazionali, mentre il fenomeno del leveraging ha comportato che asset class tradizionalmente slegate dal settore finanziario, come ad esempio le opere d’arte, siano in realtà fortemente influenzate dalle dinamiche degli indici azionari. Nel contesto attuale, a prescindere dal segmento dei fondi comuni total return, risulta praticamente impossibile trovare forme di investimento liquide, realmente decorrelate dai mercati, come riesce ad essere il Nobles Crus, il primo fondo che investe in vini d’annata.

L’ideatore dell’iniziativa è Michel Tamisier, che dopo una lunga esperienza internazionale in Bnp Paribas, JP Morgan e Carmignac, ha deciso di sviluppare l’idea di investire in temi di passione, attraverso strumenti trasparenti e facili da capire, per sfuggire alla complessità attuale dei prodotti finanziari, in grado tuttavia di offrire performance e diversificazione; “tutto questo sembra molto ovvio oggi dopo la crisi, però il progetto risale al 2007. Investire in temi di passione deriva di una domanda semplice, cosa può volere un investitore benestante dopo avere comprato tutti i prodotti esistenti sul mercato ed avere partecipato a tutte le bolle speculative? La risposta è molto semplice, un prodotto che capisce e che possa piacere personalmente”, come spiega Tamisier.

Cosi è nato il concetto di Passion Investment e dopo il lancio del primo comparto Nobles Crus nel gennaio 2008, la Sicav Lussemburghese Elite’s Exclusive Collection, promossa da Elite Advisers, dovrebbe offrire dei fondi che investono in altri temi di passione quali arte, auto, diamanti, francobolli, gioielli e orologi da collezione, ma anche in altri temi ancora più di nicchia; “già nel corso del prossimo trimestre l’autorità lussemburghese dovrebbe autorizzare un nuovo comparto”.

Il Nobles Crus è un fondo aperto ed investe nei migliori vini del mondo e nelle migliore annate, secondo tre criteri; “una qualità estrema, perché solo tali vini vedono il loro prezzo salire anche in periodi di crisi; il potenziale d’invecchiamento, perché è il miglioramento del vino anno dopo anno che fa salire i prezzi; la notorietà, per motivi di liquidità i vini devono essere conosciuti in tutti i mercati compresi quelli emergenti”.

Il vino viene conservato nelle condizioni ottimali, all’interno del porto franco di Ginevra.
La gestione è propriamente attiva, attraverso la costante compravendita di vini, ed è affidata a Christian Roger, un gestore di grande esperienza e un appassionato della materia, che dopo un’esperienza ventennale nel settore bancario, ha deciso nel 1998 di dedicarsi esclusivamente alla sua passione per il vino. “Oggi Roger rappresenta uno dei maggiori esperti al mondo, vantando tra l’altro il titolo di Membro permanente del Gran Judy Europee di degustazione”.

Su questo mercato ancora poco standardizzato, è molto difficile trovare un parametro di riferimento, “seguiamo il Liv-ex 100 Index che tuttavia investe in prevalenza su Bordeaux di tutte le annate, in vini più recenti, ma anche di primo, secondo e terzo Crus. Nobles Crus invece, oltre ai Bordeaux, prende posizione su Borgogna e i vini esteri, privilegiando unicamente i premiers Crus su annate interessanti, ed infine i vini più vecchi”, un elemento che spiega l’extra rendimento del fondo rispetto al benchmark.

Passione, trasparenza, ma soprattutto diversificazione e performance; “dal 1950 non abbiamo mai visto i prezzi dei più grandi vini del mondo scendere, questi rimangono stabili durante le crisi per ripartire una volta superate. Nel 2008 il mercato dei vini d’eccellenza è andato bene, ed ha sentito l’impatto dell’attuale congiuntura soltanto all’inizio del 2009, quando il settore si è fermato per poi ripartire a settembre”.

Investendo in beni tangibili il Nobles Crus non è UCITS III, può tuttavia essere sottoscritto presso qualsiasi istituto in Italia, in modalità “Private Placement”, usando il codice ISIN del fondo (LU0332753077), come per qualsiasi altro strumento del risparmio gestito, sebbene spesso le banche stesse non conoscano questa modalità operativa.

Fonte: http://www.bluerating.com/


Le informazioni contenute in bluerating.com si basano su fonti ritenute attendibili, non ne possiamo tuttavia garantire l'assoluta esattezza o veridicità. Le opinioni espresse nei contributi giornalistici possono essere modificate senza preavviso e sono redatte a solo scopo informativo e non costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio. Chiunque ne faccia un uso diverso da quello per cui sono state pensate se ne assume la piena responsabilità.
Posta un commento