I furbetti della cantina: sequestro di vino a La Morra

I funzionari del Servizio Antisofisticazioni vinicole della Provincia (sede di Roddi), in una cantina di La Morra, hanno dapprima sequestrato, poi denaturato e, infine, inviato alla distillazione oltre 10 mila litri di vino (pari ad oltre 13 mila bottiglie di vino) prodotti in “nero”, cioè senza giustificazione contabile. Diverse le tipologie di vini a denominazione di origine controllata e controllata e garantita inviate alla distillazione, tra cui Asti docg, Barbera d'Alba doc, Barbera d'Asti doc, Barbera Monferrato doc, Dolcetto d'Alba doc, Dolcetto d'Ovada doc, Oltrepo pavese doc, Roero Arneis doc, nonchè vini ad indicazione geografica tipica quali Sicilia e provincia di Pavia. Il Servizio Antisofisticazioni vinicole della Provincia di Cuneo, operativo dal 1982, ha il compito di vigilare su tutta la filiera produttiva vitivinicola partendo dai vigneti fino alla bottiglia offerta al consumatore finale, passando dalla lavorazione dell’uva in cantina per arrivare alla commercializzazione del prodotto finito. Un controllo importante, specie in questo momento di crisi del settore dove èsempre più prioritario tutelare le produzioni di qualità ed i produttori onesti.
L’operazione dei giorni scorsi fa seguito ad un'intensa attività del Servizio che, alle dipendenze del settore Agricoltura della Provincia, negli ultimi mesi ha eseguito 38 sopralluoghi in aziende agricole e commerciali e 24 in punti di vendita o somministrazione al pubblico, oltre a 85 campionamenti di vini sfusi e/o confezionati. A tale attività ispettiva ha fatto seguito il sequestro di più di 17 mila litri di vino, oltre a quelli inviati alla distillazione, e l’elevazione diretta di sanzioni amministrative per oltre 100 mila euro nonchè l’adozione, da parte di altri organi dello Stato, di provvedimenti sanzionatori per circa 4 milioni di euro.

(fonte: http://www.grandain.com)
Posta un commento