Il Barolo Sperss 1988 di Angelo Gaja

Questo era uno dei vini presentati durante l’ultimo Bibenda Day e, fortunatamente, l’AIS di Roma a noi “disertori” ci ha permesso di recuperare quanto avevamo perso. Non amo tantissimo i vini di Angelo Gaja, soprattutto perché li ritengo abbiano uno scarso rapporto qualità/prezzo, il fatto di essersi contornati di un’aura di leggenda fa salire le loro quotazioni alle stelle e, a certi prezzi, compro molto altro. Il 1988 non è un’annata qualunque per Angelo Gaja, per lui e la sua famiglia questo millesimo ha significato una sorta di ritorno alle origini, di ritorno a quel Barolo che il papà produceva tra gli anni ’50 e ’60 con le uve che provengono dagli stessi vigneti che Angelo Gaja ha acquisito proprio nel 1988 a Serralunga, in frazione Marenca-Rivette. “Sperss” è stata chiamata la nuova proprietà, nome piemontese che si traduce in nostalgia o profondo desiderio, un omaggio a sua padre Angelo che tanto aveva (ri)voluto questo vino, quel tanto agognato Barolo che ora è qua nel mio bicchiere, aristocratico e monumentale come pochi altri, se chiudiamo gli occhi e portiamo alziamo il calice sembra quasi di stare all’interno di un monastero tanto sono netti ed insistenti gli aromi di ebanisteria, incenso, fiori rossi essiccati. Aprendosi, il vino offre molto di più in quanto esibisce bellissime definizioni di humus, goudron, foglie secche, frutta rossa evoluta, cipria, tabacco, liquirizia. Il palato non tradisce le aspettative e si mantiene austero, mai eccessivo in una eleganza gustativa che solo i grandi vini posso avere. I tannini sono velluto che scivola via per dare spazio ad un corpo e una vena acida ancora in perfetto equilibrio anche se qualche scricchiolio cominciamo a notarlo. Lungo il finale dove giocano note di humus, echi di frutta rossa e rosa passita. Un vino sicuramente emozionante questo Barolo Sperss 1988 anche se questo suo essere monolitico lo rende per me troppo severo, difficile da apprezzare appieno se non da chi ha le chiavi giuste. Ma forse è proprio questo che vuole Gaja no?
Posta un commento