E ora? Che ci facciamo col Brunello declassato? Qualche ipotesi di utilizzo....

Non mi occupo di seguire attentamente la vicende che è (ri)esplosa in questi ultimi giorni visto che ci sono illustri giornalisti e blogger che se ne stanno occupando in maaniera capillare e con la giusta competenza. Quello che ho capito io è che tra un pò il nostro mercato sarà invaso da fiumi di Brunello declassato, infatti le notizie ufficiali parlano di circa 1,1 milioni di litri di vino Brunello di Montalcino declassato a Igt Toscana Rosso in seguito alle istanze di restituzioni da parte del Tribunale del riesame di Siena e dopo l'esito delle consulenze tecniche disposte per verificare il rispetto del disciplinare di produzione del Brunello di Montalcino Docg 2003. Non è finita. Sono stati restituiti ai proprietari anche circa 450mila litri di vino Rosso di Montalcino e declassati anch'essi a Igt Toscana Rosso. Più di un milione e mezzo di vino, due milioni di bottiglie, il cui contenuto non ha rispettato (e la facciamo candida) il disciplinare di produzione. E ora cosa pensate facciano i produttori coinvolti con questo vino? Ce lo venderanno a noi con buona pace dei Consorzi di Tutela, della territorialità e della nostra salute. Riflettendo su questo fatto ho cominciato a pensare dove troveremo questo vino:
  • supermercati che lo pubblicizzeranno con un fantastico 3X2;
  • nei wine bar che ci spacceranno questo vino come Brunello, tanto quando versano il vino nel bicchiere nessuno li vede;
  • nei ristoranti che lo spacceranno come vino della casa (nella migliore delle ipotesi).
E noi? Io dico di NO ragazzi, non compriamolo e pretendiamo un altro vino nel caso ce lo volessero vendere a prezzi ridicolo. Non lo beviamo nemmeno se siamo a casa di amici e ce lo offrono. Gli deve rimanere tutto sul groppone perchè noi consumatori ci sentiamo imbrogiati, dai produttori o da chi doveva controllarli, non importa! Al massimo ci facciamo un brasato a Natale visto che in quel periodo siamo tutti più buoni. E voi? Che cosa ne pensate?
Posta un commento