Le eccellenze di Franco Bernabei: Drei Donà - Tenuta La Palazza

Ieri sera all'AIS di Roma si è tenuta un'interessante serata dove venivano presentati tutti i vini delle aziende "curate" da Franco Bernabei, celebre winemaker che allo stato attuale definirei più manager che enologo dato che tutto il suo lavoro è studiato scientemente in maniera molto imprenditoriale.
Tra le varie aziende presenti, trentacinque in totale, qualcosa di interessante si è trovato: Tenuta La Palazza, ad esempio, presentava dei vini estremamente interessanti come il Sangiovese di Romagna Superiore Pruno Riserva 2005 ed il Graf Noir 2000. La Tenuta, appartenente ai conti Drei Donà dagli inizi del secolo, sorge sulle colline romagnole ed è composta da 23 ettari di vigneto, la maggior parte dei quali a Sangiovese di Romagna, i cui vecchi impianti sono stato oggetto di un particolare studio e selezione che ha portato poi al loro restauro attraverso il reimpianto della selezione massale di Palazza. Da questi si ottiene il primo vino che ho degustato, la Riserva selezione Pruno, un Sangiovese in purezza che affina 18 mesi in botti di rovere e viene imbottigliato non filtrato per esprimere al massimo la grande potenzialità del terroir di Predappio. Interessantissimo il naso di questo vino che mi ha colpito per la sua intensità/complessità: note di mora di rovo, marasca, confettura di prugne, viola appassita, humus, cacao amaro e radici si contendono il primato olfattivo all'interno di un quadro di grande eleganza. Bocca ampia, intensa, con tannini ben levigata dalla permanenza in legno del vino. Notevole la persistenza finale con ritorni di confettura di ciliege e rabarbaro.
Subito dopo aver apprezzato questa interessante versione di Sangiovese di Romangna, l'occhio mi cade sul Graf Noir e la curiosità di degustarlo aumenta vedendo che era presentato il millesimo 2000. Sono quasi commosso, finalmente un vino che non sia 2007 o 2008, finalmente un vino che possiamo apprezzare a 360° senza dover compiere complesse analisi prospettiche di evoluzione.
Il Graf Noir è un blend composto da Sangiovese (55%), Uva Longanesi (30%) e Cabernet Franc (15%) ed è il risultato della vinificazione di uve provenienti da un vigneto di nemmeno un ettaro. Il Graf Noir è un vino che non viene prodotto ogni anno, Claudio Drei Donà lo crea solo quando è possibile e solo quando sa che alla fine avrà nel bicchiere un vero cavallo di razza (ho dimenticato di dire che tutti i vini dell'azienda sono stati battezzati coi nomi dei cavalli del piccolo allevamento-scuderia di famiglia). Il Graf Noir, anche se son passati 9 anni, è un vino ancora estremamente giovane, non ha ceduto nulla nonostante i 24/28 mesi di barrique e i successivi 36 mesi di bottiglia, rimane elegantemente austero sia all'olfattiva che al palato dove una bella freschezza fatica ad equilibrare la vivacità nei tannini e nella nota alcolica. Con tutte le dovute distanze, mi è sembrato un pò come bere un giovanissimo Barolo. Avrà lunga vita questo Graf Noir, sarei curioso di riprovarlo tra cinque anni almeno per vedere se questa bellissima larva si è trasformata in farfalla.
Posta un commento