La Cina alla ricerca del vino spaziale?

Nella sua sfida di produrre un vino perfetto da far invidia ai grandi produttori del pianeta, la Cina ha guardato alle colline della pianura tibetana, alla terra arsa dal sole del deserto del Gobi e alle pendici rocciose della provincia di Ningxia. Ma non soddisfatti, i cinesi confidano oggi in una nuova e singolare destinazione: lo spazio. Lo scrive il Guardian riportando che il nuovo laboratorio cinese, il Tiangong-2, lanciato in orbita la settimana scorsa, aveva a bordo una selezione di vitigni: dal cabernet sauvignon, al merlot fino al pinot nero.

Foto: http://www.chinadaily.com.cn/

"Gli scienziati cinesi sperano che far crescere un vitigno nello spazio provocherà delle mutazioni in grado di renderlo più adattabile al duro clima di alcune delle regioni dove sta prendendo piede la produzione vinicola", ha riportato DecanterChina.com, sito bilingue della locale industria del vino.

Le temperature polari e un terreno non buono sono fra le sfide principali con cui si devono misurare i produttori di vino cinesi in posti come la Ningxia, regione povera al centro della nascente industria dell'Impero di Mezzo con inverni dove le temperature raggiungono i 25 sotto zero. Decanter ha precisato che i ricercatori sperano che l'esposizione alle radiazioni spaziali possano "innescare delle modificazioni genetiche nei vigneti che li aiuti a sviluppare nuove forme di resistenza al freddo, alla siccità e ai virus".

Fonte: AskaNews
Posta un commento