Atto criminale nella cantina di Gianfranco Soldera, distrutta tutta la produzione del Brunello di Montalcino Case Basse dal 2007 al 2012

La notizia è di quelle che lasciano senza parole. Il sito Wine News ha appena riportato la notizia che dei grandi bastardi (queste sono parole mie) sono entrati nella cantina di Gianfranco Soldera e, senza ritegno, hanno commesso un vile atto: aprire tutti i rubinetti delle botti dove era in affinamento il Brunello di Montalcino Case Basse dal 2007 al 2012. Oltre 600 ettolitri di vino...
Dalla cantina, secondo quanto afferma lo stesso sito, non è stato rubato nulla, nè bottiglie, nè materiali.
Questo è un atto criminale, una intimidazione che ricorda certe pratiche mafiose fino ad ora estranee alla piccola città toscana.

Un avvertimento anche per qualcun altro? 

Fonte: Soldera.it


Posta un commento