Il maltempo distrugge parte dei vigneti in Abruzzo e in altre zone vitivinicole d'Europa

Non ci vuole una laurea in agronomia per capire che il maltempo di questi giorni, soprattutto le gelate fuori stagione, abbia provocato serie danni all'agricoltura italiana, viticoltura in primis. In Abruzzo, soprattutto, nella Valle Peligna, ci sono stati forti danni dovuti alle temperature rigide e alla neve che ha messo in ginocchio molti agricoltori che hanno subito ingenti danni alle colture. 

Foto: Rete Abruzzo

A lanciare un appello per superare questa crisi è stata, come riporta il portale Rete AbruzzoAlice Pietrantonji, che ha spiegato che nonostante il danneggiamento causato da una gelata “che verrà ricordata come la più forte in vent’anni”, la pianta della vite è comunque molto reattiva, quindi è possibile sperare in una ripresa.  Con una lettera inviata alla Regione, nello specifico alla Direzione delle Politiche Agricole e all’assessore al ramo, Dino Pepe, il sindaco di Pratola Peligna Antonio De Crescentiis ha chiesto il riconoscimento dei danni alle aziende ed agli operatori del settore agricolo. “Una situazione che ci ha spinto a chiedere subito alla Regione di attivare tutte le procedure utili al riconoscimento dei danni ed al conseguente ristoro degli stessi in favore delle numerose attività coinvolte” ha affermato De Crescentiis “Abbiamo ritenuto necessario farci portavoce delle esigenze di questo importante settore ed auspichiamo una pronta collaborazione della Regione per consentire ai tanti operatori impegnati nel comparto agricolo di ottenere al più presto quanto dovuto”.

Ma l'Abruzzo, ovviamente, non è la sola Regione colpita dal maltempo. Girando per Facebook, infatti, molti amici vignaioli stanno lanciando un grido di allarme pubblicndo foto abbastanza significative dei danni. 

Eugenio Rosi, viticoltore artigiano di Rovereto,  ad esempio ha pubblicato queste foto con il seguente commento:"Stagione iniziata alla grande....prima notte di gelo e già si contano i danni. Purtroppo sono previste altre gelate nei prossimi giorni....."


Paolo Cianferoni, da Radda in Chianti, ha fortunatamente scritto che:"Abbiamo sfiorato gravi conseguenze questa mattina alle 6:00: 1,6 gradi; se andava sotto 0 la produzione vinicola 2016 era compromessa. Guardando il lato positivo, la peronospora con queste temperature non puó "lavorare", con buona pace per molti agronomi che hanno fatto fare già i trattamenti... Giusto per non rischiare. Mai. Loro"

Paolo Cianferoni
In realtà questa forte ondata di maltempo e freddo fuori stagione sta colpendo un po' tutta l'Europa e lo sanno bene anche in Francia per combattere le gelate notturne alcuni vignaioli sono corsi ai ripari accendendo fuochi nei vigneti al fine di evitare che la temperatura vada sotto lo zero.


Spero sia l'ultimo post in tal senso per questo 2016 anche se, da più parti, sento che probabilmente la situazione rischia di peggiorare visto che è previsto maltempo fino al primo maggio. Incrociamo le dita..


Posta un commento