Silenzio 2013 di Coste Ghirlanda

Chi mi conosce sa che non amo molti i vini da vitigni aromatici ma, come al solito, esistono le eccezioni che confermano la mia regola. 

In questo caso la mia "anomalia" proviene dalla splendida Sicilia e, in particolare, dall'isola di Pantelleria, terra dal forte contrasto di colori dove il vento regna sovrano costringendo la natura a svilupparsi al riparo di terrazzamenti di pietra.


In questo aspro territorio, nel 2005, Giulia Pazienza Gelmetti ha dato il via all'avventura di Coste Ghirlanda che fin da subito si è posta l'obiettivo di creare prodotti di grande qualità prestando, al tempo stesso, estrema attenzione al rispetto del paesaggio originario, conservando i sistemi di coltivazione tradizionali e lavorando rigorosamente a mano come i contadini di una volta, con forte passione ed amore per questi terreni unici al mondo.


Oggi, l'azienda si estende per circa 11 ettari di vigneto che viene coltivato in due distinte tenute che presentano terroir molto diversi tra loro: la tenuta principale di Piana di Ghirlanda ha unicamente uve zibibbo allevate ad alberello rasoterra, mentre quella di Montagnole, che si affaccia direttamente sul mare, accoglie tutta la coltivazione di grenache (le viti sono ancora troppo giovani per produrre vino) e in parte quella di zibibbo anch'esso adagiato in piccole conche per trattenere l’umidità notturna e ripararsi dal vento e dai raggi del sole.


Attualmente Coste Ghirlanda produce tre vini da uve zibibbo: Jardinu e Silenzio, due vini bianchi secchi ed un Passito di Pantelleria Doc chiamato Alcova

Grazie da Riccardo Gabriele che me lo ha fatto provare, la mia piacevole eccezione si chiama Silenzio 2013, prima annata di un vino che rappresenta l'eccellenza produttiva dell'azienda grazie alla presenza di uve accuratamente selezionate provenienti dai vigneti di Tenute di Ghirlanda e Montagnole.


Come scritto in precedenza ero molto scettico su questo zibibbo in purezza ed invece, esplorando i suoi colori e il suo gusto, non ho potuto che ricredermi visto che era tutt'altro che scontato.

Il Silenzio è un vino che sa di fatica e sole, di sale e vento e, soprattutto, è pura espressione di un Mediterraneo che ti pervade il bicchiere senza le solite "piacionerie" che spesso ritrovo in altre etichette del medesimo territorio. Nella grande bevibilità, poi, trova la sua sublimazione. Con la Stefy la bottiglia è volata via durante la cena.

Per i tanti "tecnici" che leggono il blog posso dire che le uve vengono macerate a freddo con le bucce per dodici ore. Viene eseguita una pressatura soffice seguita dalla naturale decantazione a freddo. La fermentazione avviene in acciaio inox a temperatura controllata. L'affinamento sui lieviti è eseguito in recipienti di acciaio per otto mesi. Gradazione alcolica: 13% vol.

Sono curioso, a questo punto, di provare il resto della gamma. A breve, pertanto, ci saranno novità pantesche!!
Posta un commento