Vini di Vignaioli, Vi.Te – Vignaioli e Territori e V.A.N. (Vignaioli Naturali Artigiani) si alleano per collaborare ad un regolamento europeo sui vini naturali

Le diverse anime del mondo del Vino Naturale finalmente collaborano e si danno regole comuni.
Christine Cogez Marzani per Vini di Vignaioli, Gabriele da Prato per l’ass. Vi.Te – Vignaioli e territori (organizzatore ViViT) ed Emilio Falcione dell’ass. V.A.N. (Vignaioli Naturali Artigiani) si sono incontrati e hanno deciso di condividere informazioni e modi operativi.
Nell’assenza di una regolamentazione ufficiale relativa al Vino Naturale, le fiere del settore diventano sempre più l’unica certificazione e possibilità di entrare in questa nicchia di mercato. Tutto ciò carica di responsabilità gli organizzatori delle Fiere del Vino Naturale e le relative associazioni, in particolar modo nei confronti dei consumatori.
Si è perciò deciso:


– di uniformare le schede di autocertificazione con cui i produttori descrivono il loro lavoro in vigna e in cantina, rendendole immediatamente e più facilmente confrontabili;
– di far analizzare, nell’arco temporale di un anno, almeno un campione di vino per azienda per determinare la solforosa totale ed eventuali residui di fitofarmaci (multiresiduale);
– di uniformare il processo di selezione.


Pur con uno spirito inclusivo, intendiamo garantire agli avventori delle nostre fiere (Vini di Vignaioli, ViViT, VAN) la certezza di assaggiare esclusivamente Vini Naturali.
La collaborazione però non si esaurisce qui: stiamo infatti lavorando assieme alla stesura di una bozza di regolamento europeo sui Vini Naturali. L’appuntamento sarà per il prossimo 28 novembre presso il Parlamento Europeo di Bruxelles, dove abbiamo organizzato, con l’europarlamentare Curzio Maltese, un evento pubblico per discutere e presentare la nostra proposta.
Christine Cogez Marzani
Emilio Falcione
Gabriele da Prato
Posta un commento